Come calcolare le imposte sui rendimenti delle polizze vita stipulate entro il 2000

di Giuseppe D'Ambrosio tramite: O2O difficoltà: media

In questa guida, come da titolo, cercheremo di spiegare come, nella maniera più esaustiva, calcolare le imposte sui rendimenti delle polizze vita.
Il calcolo di tale imposta è sottoposto a diverse normative, infatti, esso varia in base al momento in cui sono state stipulate.
Come riferimento prenderemo le polizze stipulate entro l'anno 2000.

1 Nel caso in cui la nostra polizza sia stata stipulata entro il 31 dicembre del 2000, potremo considerarla parte della cosiddetta "vecchia fiscalità".
Dal 1 gennaio 2012, infatti, è entrata in vigore una nuova normativa valida per tutte le polizze sulla vita, eccetto per quelli previdenziali.

2 Al fine di eseguire correttamente il nostro calcolo, sarà, quindi, fondamentale conoscere il controvalore del contratto al 31 dicembre 2011.
Tale valore sarà ricavato dagli estratti conto inviati periodicamente dalla compagnia assicurativa stessa.
Una volta ottenuto ciò, bisognerà calcolare la differenza tra il valore appena ricevuto e i premi pagati fino a tutto l'anno 2011, così in questo modo potremo quantificare il rendimento della polizza.

Continua la lettura

3 Per scorporare l'imponibile, sarà necessario ridurre l'importo del rendimento in funzione degli anni del contratto, definiti "antidurata". 
Nello specifico, la normativa stabilisce che l'imponibile venga determinato riducendo il rendimento del 2% per il numero di anni del contratto, superanti il decimo.  Approfondimento Come calcolare l'imposta di bollo nelle polizze di capitalizzazione (clicca qui)
Quindi, di conseguenza, bisognerà sottrarre dieci anni all'antidurata e poi ricavarne la parte intera.  Nel passo seguente vi verrà illustrato un esempio per compiere questo calcolo.

4 Se la polizza viene liquidata dopo 14 anni e 4 mesi, ossia ha 14,5 anni di vita, dovremo eseguire la seguente operazione: 14,5 - 10 = 4,5.
A questo punto prenderemo in considerazione solo il numero intero: 4.
Moltiplicheremo 4 x 2% = 8%.
Adesso dovremo considerare il rendimento, che, per esempio, potrebbe essere pari a 1000 Euro. Moltiplicheremo tale valore per 100%, meno 8%, ossia 92%.
Otterremo 920 Euro e questo sarà l'imponibile del contratto.
Tale imponibile dovrà essere moltiplicato per l'aliquota del 12,5%.
Nell'esempio appena descritto, otterremo, quindi, un'imposta pari a 115 Euro.

5 L'ultimo passo da eseguire, infine, sarà il calcolo del rendimento maturato nel 2012.
Qiundi effettueremo la differenza tra il valore della liquidazione e il controvalore al 31/12/2011 e sottrarremo i premi pagati nel corso del 2012.
Tale imposta (su cui applicheremo un'aliquota del 20%) dovrà essere sommata a quella di "vecchia fiscalità" per determinare l'imposta totale da pagare, così se in uno dei due periodi fiscali, la polizza avesse prodotto un rendimento negativo, l'altro periodo, se fosse positivo, potrebbe essere compensato senza nessun problema.

Come calcolare il valore di riscatto di una polizza vita a premi periodici Le assicurazioni sulla vita garantiscono un futuro in un periodo economicamente ... continua » Come calcolare il TFR Il trattamento di fine rapporto (TFR) rappresenta un elemento della retribuzione ... continua » Come calcolare il valore di riscatto di una polizza vita a premio unico In questo semplice ed esauriente articolo andremo a parlare del valore ... continua » Come si calcola il costo medio annuo delle polizze vita Il calcolo del costo medio annuo delle polizze vite è una ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come calcolare l' ICI

Come voi lettori e lettrici probabilmente saprete già, tre anni fa circa (nell'anno 2012) l'ICI (acronimo di "imposta Comunale sugli Immobili") è stata ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.