Come calcolare la propria pensione

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La legge Fornero ha dato vita alla riforma del sistema pensionistico cambiando i criteri in base ai quali prima si calcolava l' importo della propria pensione. Dal 1° gennaio 2012 per calcolare la pensione bisogna basarsi sul sistema contributivo, cioè sui contributi versati durante tutta la vita lavorativa. Ecco una guida su come calcolare la propria pensione.

25

I requisiti

Se si hanno questi requisiti si può calcolare la pensione spettante in base a 2 variabili principali: il cosiddetto montante contributivo, che è il capitale cumulativo di tutta la vita lavorativa, moltiplicato per il coefficiente di trasformazione, che si riferisce all'età del lavoratore al momento in cui decorrerà il trattamento pensionistico, o la data della morte nel caso si tratti di una indennità pensionistica indiretta. L'importo che risulterà dovrà essere diviso per 13 (le mensilità della pensione) e si otterrà la rata mensile + la tredicesima a dicembre di ogni anno. Il montante contributivo viene rivalutato dall'Inps ogni anno e reso pubblico nella sezione Circolari e Messaggi del sito. Il calcolo del montante contributivo si basa sull'aliquota (diversa per lavoratori dipendenti, autonomi o parasubordinati), in base al reddito annuo e alla somma dei contributi versati annualmente. Il calcolo non è facile, ed è sempre utile farsi assistere da un Centro di Assistenza Fiscale o da consulente pensionistico.

35

Le categorie

In base quindi a questa nuova legge si sono venute a creare tre categorie a cui fare riferimento con una data spartiacque che è quella del 31 dicembre 1995. Entro tale data, chi ha maturato almeno 18 anni di contributi avrà calcolato l' intero trattamento pensionistico in base al vecchio metodo di calcolo, e cioè quello retributivo Il calcolo retributivo era basato sulla media degli importi delle buste paga del lavoratore percepite negli anni conclusivi dell'attività lavorativa.

Continua la lettura
45

In conclusione

Per chi invece alla data del 31 dicembre 1995 non aveva ancora versato 18 anni di contributi si applica il sistema retributivo fino al 31/12/1995 e per gli anni di lavoro seguenti si applicata il sistema contributivo. Per quelli che hanno iniziato l' attività lavorativa dopo il 31 dicembre 1995 verrà applicata per tutta l' indennità pensionistica il sistema contributivo. Per le donne lavoratrici dipendenti è necessario aver compiuto 63 anni all' 1/1/2014, 65 anni all'1/1/2016, 66 anni all' 1/1/2018. Per le lavoratrici autonome si fa lo stesso calcolo: si parte dai 64 anni e 6 mesi dall'1/1/2014 e si aggiunge un anno come per le lavoratrici dipendenti. I contributi devono essere stati versati per un minimo di 20 anni. Per la pensione anticipata bisogna avere un'anzianità contributiva di 42 anni e 5 mesi per gli uomini, un anno in meno per le donne.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esistono anche dei calcolatori della pensione on line, ma è sempre meglio chiedere consiglio a un consulente fiscale

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione contributiva

La pensione contributiva è stata introdotta con la cosiddetta riforma Dini, legge n. 335 del 1995, insieme a successivi interventi legislativi n. 449 del 1997 e la successiva riforma Maroni del 2004. Questi interventi hanno cambiato profondamente il...
Previdenza e Pensioni

Come e quando andare in pensione

Andare in pensione è uno dei traguardi più importanti per qualsiasi lavoratore che si avvicina alla terza età. In Italia, negli ultimi anni sono cambiate molte regole in materia di pensionamento: è stata aumentata l'età pensionabile fino a 67 anni...
Previdenza e Pensioni

Regole per il calcolo della pensione minima

La pensione è una somma mensile corrisposta al lavoratore al raggiungimento dell'età pensionabile, quando cessa l'attività lavorativa e passa sotto il regime pensionistico erogato dall'INPS, l'ente nazionale previdenza sociale.ub">Sopratutto in passato...
Previdenza e Pensioni

Come usufruire del prepensionamento

Con l'argomento pensioni, si entra sempre in confusione. Le leggi sulle pensioni, sui prepensionamenti, sull'età per la pensione, sugli anni di servizio, ecc., diventano sempre più complessi da decifrare e da capire e spesso non si sa come agire. Molti...
Previdenza e Pensioni

Come si calcolano le pensioni INPDAP

L'INPDAP, vecchio ente di gestione del sistema contributivo dei dipendenti pubblici, venne assorbito dall'INPS nel 2012. Pertanto, il calcolo delle pensioni attualmente viene effettuato da quest'ultima. Con la nuova gestione, la procedura ha subito significativi...
Previdenza e Pensioni

Come funziona il meccanismo della totalizzazione nel sistema pensionistico

Tutti gli anni cambiano le leggi che regolano la pensione: contributi anni a cui si può andare in pensione, oggi giorno raggiungere la pensione è una cosa difficile da raggiungere. Dopo tuti i pasticci messi in atto dallo stato, si tenta di correre...
Previdenza e Pensioni

Come si effettua il computo della pensione

La pensione è un'indennità data in denaro che nasce negli anni 30 istituita nel periodo fascista. Viene riconosciuto in pratica al lavoratore la possibilità di sospendere la propria attività lavorativa dopo aver conseguito un numero minimo di anni...
Previdenza e Pensioni

Come far richiesta per la pensione supplementare

La pensione supplementare è una pensione che va ad aggiungersi alla pensione principale e, si ottiene quando i contributi che sono stati versati al'Inps non sono sufficienti per poter avere una pensione autonoma. Tuttavia è una pensione che spetta....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.