Come calcolare l'indennità di buonuscita

di Daniele Rinella tramite: O2O difficoltà: difficile

L’indennità di buonuscita o trattamento di fine servizio, viene liquidata ai dipendenti pubblici in caso di cessazione del servizio per inabilità o decesso dopo 105 giorni, dopo 6 mesi per raggiungimento dei limiti di età e dopo 24 mesi per dimissioni o licenziamento del lavoratore. Per chi è stato assunto successivamente al 31 dicembre 2000, invece, sempre con un contratto a tempo indeterminato, entra in vigore il trattamento di fine rapporto (TFR) con l'esclusione però, del personale senza contratto come ricercatori e docenti, per il quale rimane in vigore la stessa formula di trattamento. A tal proposito, in questa guida, vi spiegherò come calcolare l'indennità di buonuscita.

Assicurati di avere a portata di mano: buste paga calcolatrice

1 Per calcolare l'indennità, dovrete considerare un accantonamento del 6,91% di quella che è la vostra retribuzione dell'intero anno, lorda. Dovrete anche considerare la rivalutazione annua di questa somma, che avviene il 31 dicembre di ogni anno con l'applicazione di un tasso formato dall'1,5% e dal 75% dell'aumento dei prezzi, accertato dall'ISTAT, mettendo a confronto i prezzi del paniere di beni al consumo del dicembre dell'anno precedente. Ogni cittadino che svolge una determinata attività presso un’azienda pubblica o privata, un professionista o in qualsiasi altra fonte di lavoro, ha il diritto di ricevere un compenso, uno stipendio.

2 Ai fini dei calcoli per l'Indennità, dovrete prendere in esame il vostro stipendio per intero, l'indennità integrativa speciale, la retribuzione di anzianità, dopodiché dovrete calcolare il tutto in due quote. Per la prima quota, dovrete considerare l'anzianità che avrete maturato entro il 31 dicembre 2010, che corrisponde a tanti dodicesimi, quanti sono gli anni utili da prendere in considerazione. Dopo aver fatto ciò, rapportate il tutto all'80% della retribuzione annua lorda, che guadagnate al momento in cui venite messi a riposo, comprendendo le varie tredicesime mensilità, una per ogni anno lavorativo.

Continua la lettura

3 Per calcolare la seconda quota, dovrete considerare il periodo di tempo a partire dal 1° gennaio 2011 in poi, e calcolare una percentuale del 6,91% della retribuzione contributiva annua.  Inoltre, considerate sempre le eventuali rivalutazioni di tutto l'anno.  Approfondimento Come calcolare l'indennità di malattia (clicca qui) Per quanto riguarda l'ultimo anno di lavoro, la percentuale viene invece applicata alla retribuzione contributiva mensile.  Ricordate che potrete ottenere ciò che vi spetta con un importo unico, se la somma è di massimo 90.000 euro.  Per importi superiori, vi verrà divisa in rate, esattamente in due per un importo inferiore ai 150.000 euro e in tre rate per importi superiori.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Il trattamento di fine rapporto per i pubblici dipendenti. Calcola l'importo del trattamento di fine servizio (TFS). Buonuscita statali: come si calcola il TFS? Dipendenti pubblici: indennità di buonuscita ai superstiti.

Come calcolare il TFR Il trattamento di fine rapporto (TFR) rappresenta un elemento della retribuzione ... continua » Come si calcolano gli interessi sul TFR Il TFR (Trattamento di Fine Rapporto) non è altro che la ... continua » Come annotare le retribuzioni in partita doppia Se ti trovi in questa pagina significa che sei alle prese ... continua » Infortunio: come calcolare l'integrazione a carico dell'azienda In una azienda può succedere spesso di imbattersi in casi di ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.