Come calcolare l'imposta di registro compravendita

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'imposta di registro di compravendita serve a registrare un documento per fini legali. La sua sicurezza sta nel fatto che il contenuto e la data non sono modificabili. Le imposte di registro si archiviano presso l'Agenzia delle Entrate, secondo un ordine puramente cronologico. Gli acquisti e le locazioni relativi agli immobili prevedono il pagamento di imposte. Il pagamento di tali tasse non è, invece, obbligatorio se l'interessato paga l'IVA. All'interno di questa guida, vi spiegherò come calcolare l'imposta di registro di compravendita.

26

Occorrente

  • Documentazione necessaria
36

Classificare lo stabile acquistato

Innanzitutto, per calcolare l'imposta di registro di compravendita, dovete classificare lo stabile acquistato e dichiarare se l'immobile è soggetto ad IVA o meno. Se il proprietario provvede al pagamento dell'IVA, non è tenuto a pagare l'imposta di registro di compravendita. Il metodo più semplice per il calcolo parte dal valore catastale dell'immobile in questione. Questo metodo, chiamato in linguaggio tecnico prezzo/valore, è piuttosto vantaggioso. Il dato da cui partire è la rendita catastale totale dell'immobile. Se vendete la proprietà in una data non superiore a cinque anni dopo la fine dei lavori, pagherete parzialmente l'IVA. Un altro vantaggio del sistema prezzo/valore è quello di ridurre di oltre il 30% le spese notarili, generalmente molto care.

46

Registrare la nuova residenza

Per trovare il valore dell'imposta di registro, utilizzate i moltiplicatori della specifica rendita catastale. In questo caso, potete informarvi presso l'Agenzia delle Entrate riguardo i parametri da tenere in considerazione. Ad esempio, il moltiplicatore valido per la prima casa è 110, mentre per la seconda 120. Attenzione: potete utilizzare il metodo prezzo/valore solo se lo stabile è nello stesso comune in cui avete residenza. Inoltre, dovete dichiarare di non usufruire di alcun altro diritto né sull'immobile stesso, né in qualsiasi altro in territorio nazionale. Dopo la stipulazione del contratto, dovete registrare la nuova residenza entro un periodo non superiore ai 18 mesi.

Continua la lettura
56

Controllare la propria categoria catastale

Da gennaio 2014, l'imposta di registro di compravendita ha un incremento del 9%. L'aumento riguarda gli stabili non ad uso abitativo principale. L'imposta si abbassa, invece, al 2% per la prima casa. Le categorie escluse da questo nuovo decreto legislativo sono gli immobili registrati al catasto come A1, A8 e A9. Il valore dell'imposta di registro si aggira intorno ai 200 euro. Per sapere esattamente quale sia l'importo da pagare, controllate la vostra categoria catastale: in questo caso, vi basterà consultare il decreto legislativo numero 23 del 2011.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come calcolare il peso del fisco sull'acquisto di un immobile

La compravendita di un’immobile è un’operazione da valutare con attenzione dal punto di vista anche economico. La complessità sta nella ricerca, nelle negoziazione vera e propria, nelle fasi del rogito e registrazione notarile arricchite magari...
Case e Mutui

Come variare l'intestazione della visura catastale

In caso di trasferimento di proprietà, di donazioni, di compravendite, di successioni, ecc., è necessario eseguire un aggiornamento di intestazione degli immobili censiti presso il catasto per avere sempre l'esatta corrispondenza tra quanto presente...
Case e Mutui

Come calcolare le agevolazioni prima casa

Chiunque intraprenda l'acquisto di un immobile non può prescindere da come calcolare le agevolazioni di prima casa e da quale sarà la pressione fiscale. Solo in questo modo è possibile valutare la bontà del proprio investimento. Ma veniamo come riconoscere...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello F23 per pagare l'imposta di registro per affitto fondi rustici

Il modello F23 viene messo a disposizione dei contribuenti dall'Agenzia delle Entrate, ed è necessario per identificare e permettere il pagamento di tasse, sanzioni e per espletare numerose funzioni legate alla locazione immobiliare. Come la registrazione,...
Case e Mutui

Come esercitare l'opzione di cedolare secca per gli affitti

In questo articolo, che proponiamo a tutti i nostri lettori, vogliamo cercare di far capire come poter esercitare, nel modo corretto, l'opzione di cedolare secca, per gli affitti.Iniziamo subito con il dire che la materia delle locazioni può apparirci...
Case e Mutui

Come Calcolare Il Credito Di Imposta Nelle Compravendite

Durante l'acquisto della prima casa sono concesse alcune agevolazioni fiscali, le quali devono rispondere a specifici requisiti previsti dalla legge. Qui potete trovare un approfondimento in merito. In questa guida ci concentreremo tuttavia su come calcolare...
Case e Mutui

Come calcolare le imposte sull'acquisto della casa

Quando decidiamo di acquistare una nuova abitazione, dobbiamo prendere in considerazione una serie di spese oltre al costo dell'immobile, relative a varie imposte e alle procedure necessarie per eseguire il passaggio della proprietà da un soggetto ad...
Finanza Personale

Come calcolare l'imposta di registro per locazione

Di questi tempi possedere una casa potrebbe essere un investimento come anche una perdita di soldi. Chi ha uno o più appartamenti solitamente tende a volerli mettere in affitto per poter avere una rendita e pagarci le tasse con maggiore tranquillità,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.