Come calcolare il valore catastale

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il valore catastale di un immobile viene preso come riferimento per per determinare la consistenza di specifiche imposte sulla casa. In caso di successioni, donazioni, iscrizioni di ipoteche o imposte di registro e catastali, questo è il dato di riferimento da considerare. Per gli immobili concessi in locazione questo valore assume importanza poiché il canone annuo non può essere inferire al 10% del valore catastale. Ovviamente stiamo parlando di valori fiscali e pertanto virtuali, ovvero frutto di un calcolo che è utilizzato esclusivamente per dare luogo a delle tassazioni. La stima sul valore commerciale di un immobile è ben altra cosa e viene realizzata da un professionista che ne calcola il valore ai fini della sua collocazione nel mercato immobiliare. La guida che segue servirà per calcolare il valore catastale di un immobile, dato che, tra l'altro, è necessario anche per calcolare l'ISEE o Indicatore della Situazione Economica Equivalente.

25

Iniziamo il calcolo partendo da un dato, ovvero la rendita catastale. Se vi siete affidati a dei professionisti per la compravendita di un immobile potete chiedere che vi facciano avere questo dato ma attenzione che sia corretto. Se non volete rischiare potete ricavarlo direttamente da una visura catastale che potrebbe essere già presente o che potete richiedere voi per pochi euro all'Agenzia delle Entrate. Il valore catastale si ottiene moltiplicando la rendita catastale (che andrebbe rivalutata al 5%, ma questo dato viene ormai inglobato nel calcolo generale per evitare un doppio passaggio) per un coefficiente che è diverso a seconda della categoria catastale dell'immobile di riferimento.

35

Trattandosi di una guida per coloro che si apprestano a comperare la prima casa, si riportano i coefficienti per gli immobili collocati nella categoria A, che è pari a 115,50 (ad eccezione delle categorie A/7, A/1 e A/8), quelli nella categoria C (ad eccezione del C/1) che è pari a 126,00. Per le seconde case o gli immobili di lusso (categorie A/1, A/7 ed A/8) il coefficiente è 126.

Continua la lettura
45

Ecco un esempio pratico. In caso di acquisto di un immobile come prima casa, composto da un appartamento con annessa cantina (con rendita catastale di euro 124,50) e due box (rendita catastale di euro 85,50 ciascuno), dovete sommare le rendite che possono fruire dell'agevolazione prima casa (210,00 euro) e mantenere separata la rendita del secondo box, che non è agevolata. La somma delle rendite passibili di agevolazione, pari ad euro 210,00, moltiplicatela per 115,50 ed otterrete il valore catastale di euro 24.255,00. Per il secondo box, che sarà soggetto a tassazione ordinaria, moltiplicate la rendita di euro 85,50 per 126 ed in questo caso il valore totale sarà di 10.773,00 euro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come si calcola la rendita catastale degli immobili

Il Catasto stabilisce la rendita degli immobili che possiede un proprietario. Per sapere a quanto ammonta la rendita catastale, basterà ottenere i documenti necessari e consegnarli agli uffici del Catasto. Ciò è utile per calcolare l'IMU di un immobile,...
Case e Mutui

Come si determina la rendita catastale

La rendita catastale rappresenta il valore medio di affitto di un bene immobile ovvero il prezzo che il contribuente ritiene di ottenere quando affitta l'immobile. Una somma forfettaria è determinata unilateralmente dal catasto, successivamente viene...
Case e Mutui

Come conoscere la categoria catastale della casa

Ogni immobile possiede un determinato "valore catastale" in relazione alla cosiddetta "rendita catastale". Si tratta di un valore piuttosto importante quando si acquista, quando vi è in gioco una successione o una cessione dell'immobile, e serve per...
Finanza Personale

Come verificare la rendita catastale di un immobile per il pagamento ICI

La rendita catastale è il valore che si attribuisce ai fini fiscali a tutte le unità immobiliari capaci di produrre un proprio reddito. Lo si individua moltiplicando la grandezza dell'immobile espressa in metri quadri od in metri cubi per il valore...
Case e Mutui

Requisiti per abbassare la rendita catastale di un'abitazione

Chi ha una casa di proprietà, ha certamente dovuto fare i conti con la tanto temuta tassa dell'IMU. Molte persone, dopo aver calcolato l'imponibile dovuto per la tassazione attraverso gli strumenti delle nuove procedure moltiplicative, hanno potuto osservare...
Case e Mutui

Come calcolare le imposte sull'acquisto della casa

Quando decidiamo di acquistare una nuova abitazione, dobbiamo prendere in considerazione una serie di spese oltre al costo dell'immobile, relative a varie imposte e alle procedure necessarie per eseguire il passaggio della proprietà da un soggetto ad...
Case e Mutui

Come Fare Una Visura Catastale

In Italia la cosiddetta "visura catastale" è un documento che viene rilasciato dall'Agenzia delle entrare della Repubblica italiana. Questo documento ci permette di conoscere l'intestatario di un immobile e ci permette anche di calcolare il pagamento...
Case e Mutui

Come ottenere una visura catastale

L'Agenzia del Territorio rende testimonianza dei propri atti e delle proprie scritture censuarie mediante le visure. Il termine visura si riferisce alla semplice consultazione del contenuto degli atti catastali. La visura catastale è un documento dove...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.