Come Calcolare Il Valore Aggiunto Del Conto Economico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Una voce fondamentale di calcolo presente nel bilancio di ogni attività è sicuramente il valore aggiunto. Il valore aggiunto rappresenta il primo margine del conto economico, praticamente quello che indica quanto reddito produce la gestione caratteristica di un’azienda, di un’attività, di uno studio oppure di un negozio. In buona sostanza, il valore aggiunto rappresenta il guadagno netto, da cui successivamente dovranno esser detratte le relative imposte, che si ottiene dalla produzione e dalla vendita di un bene oppure di un servizio. Con un semplice esempio pratico sarà molto più agevole spiegare e comprendere il concetto del valore aggiunto. Occorre utilizzare, pertanto, questa guida per osservare come si può calcolare il valore aggiunto del conto economico. Seguendo i tre passaggi di questa esauriente guida, vedrete come è possibile calcolare il valore aggiunto della propria attività.

26

Occorrente

  • Fatture fornitori
  • Bollette utenze
  • Calcolatrice
  • Notes per appunti
  • Matita
36

Il primo passaggio da effettuare, essenziale per poter eseguire un calcolo preciso e quanto più approfondito possibile, riguarda la raccolta di tutte quante le voci di spesa che si sommano per la produzione di un bene oppure per la fornitura di un servizio. È buona regola, pertanto, armarsi di una elevata dose di pazienza ed iniziare a raccogliere le fatture e le bollette di ciascun genere, per poi andare ad individuare quali siano le spese sostenute per effettuare la realizzazione del prodotto che si andrà ad offrire ai propri acquirenti. È necessario, in ogni caso, non sottovalutare questo passaggio. È, infatti, importantissimo sapere con molta precisione quanto si va a spendere per realizzare quello che si deve commercializzare.

46

A questo punto, possiamo metterci virtualmente alla scrivania, e prendere tutto quanto il materiale che ci occorre. Servirà, sicuramente, un blocco notes per prendere appunti ed una matita, le fatture dei fornitori, le bollette delle utenze, un rendiconto aggiornato delle vendite, un rendiconto delle rimanenze ed una calcolatrice affidabile. Per cominciare è necessario andare a calcolare il valore della produzione, che riguarda i prodotti che sono attualmente in corso di lavorazione, i semilavorati ed i prodotti finiti. Questa voce rappresenta la somma dei ricavi delle vendite e delle prestazioni, delle variazione delle rimanenze dei prodotti in corso di lavorazione, dei semilavorati e finiti, della variazione dei lavori in corso su ordinazione, degli incrementi delle immobilizzazioni per lavori interni e degli altri ricavi e proventi legati alla gestione caratteristica. Per comprendere meglio il concetto, andremo a fare un semplice esempio pratico. Una farmacia che vende farmaci per 200 e presta servizi per 50, potrà calcolare un valore della produzione (Vp) pari a 250.

Continua la lettura
56

Successivamente, possiamo procedere a vedere come si calcola effettivamente il valore aggiunto (Va). In buona sostanza, questa voce è il risultato della differenza tra il valore della produzione ed i costi delle produzione. Tra le voci contenute nei costi della produzione andremo ad annotare quanto segue. Innanzitutto, il costo delle materie consumate, i costi dei servizi esterni, la variazione delle rimanenze, calcolata come gli acquisti sommati alle rimanenze iniziali del magazzino, sottratte alle rimanenze finali, ed altri costi di gestione caratteristica. Anche in questo caso, possiamo fare un semplice esempio per spiegare e per comprendere meglio il tutto. Precisamente, prendiamo come esempio una farmacia, in cui costi di produzione (Cp) saranno come quanto segue. Ci sono da tenere in considerazione i costi per farmaci, che in questo esempio saranno di 150, gli affitti sono di 20 e la variazione per le rimanenze dei farmaci sono di 10. Ne deriva che Cp = 150 + 20 + 10 = 180. Il valore aggiunto della farmacia presa in considerazione sarà, pertanto, Va = Vp – Cp = 250 – 180 = 70.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per poter calcolare con semplicità e rapidamente il valore aggiunto del conto economico preparate un foglio Excel da poter aggiornare con facilità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come trattare gli imballaggi in contabilità generale

Gli imballaggi danno luogo, contabilmente, a delle problematiche differenti nella contabilità generale, a seconda della loro tipologia e della destinazione. In questa semplice ed esauriente guida vi proponiamo di fare chiarezza su come trattare gli imballaggi...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare le fatture da ricevere

Nel corso dell'esercizio le rilevazioni contabili afferenti gli acquisti dei beni o dei servizi vengono registrate all'atto del ricevimento della relativa fattura. Alla fine dell'esercizio, nel momento della chiusura dei conti, si possono presentare delle...
Aziende e Imprese

Come determinare lo stato di avanzamento con il Metodo delle ore lavorate

Una metodologia utilizzata nella determinazione dello stato di avanzamento di una commessa, è il cosiddetto metodo delle ore lavorate. Con riferimento al metodo in argomento, nella presente guida vengono forniti le basi teoriche nonché uno schema pratico...
Aziende e Imprese

Come Contabilizzare Gli Animali

Le società che operano nel settore zootecnico incontrano talvolta problemi peculiari nella redazione del bilancio per la presenza di fattori produttivi atipici: gli animali. Le motivazioni che hanno spinto le società a rinnovare profondamente la metodologia...
Aziende e Imprese

Come Determinare Il Ccno

Come facilmente intuibile dal titolo della guida, ora ci dedicheremo a spiegarvi Come determinare il CCNO. Partiamo dal definire questo acronimo: per CCNO, intendiamo il Capitale Circolante Netto. In sostanza, esso è utilissimo per analizzare il bilancio...
Aziende e Imprese

Bilancio aziendale: le valutazioni fiscali di inizio esercizio

Avviare un'attività, perlomeno da un punto di vista fiscale, non rappresenta un compito gravoso. Una volta ottenuta una Partita IVA dall'Agenzia delle Entrate e determinato il regime contabile conforme alla tipologia di impresa prescelta, in via del...
Aziende e Imprese

Come riaprire i conti del bilancio a inizio anno

È il primo gennaio, l'inizio di un nuovo esercizio! Quindi dobbiamo accingerci a riaprire i conti del bilancio che abbiamo da poco chiuso in questo modo. I conti accesi ai costi ed ai ricavi del precedente esercizio hanno creato il reddito d'esercizio,...
Aziende e Imprese

Come riclassificare il conto economico

Il conto economico, per rappresentare efficacemente il reddito d'esercizio ai fini dell'analisi di gestione aziendale, dev'essere strutturato e formalizzato in una specifica maniera; dev'essere riclassificato, per poter ottenere le informazioni aggiuntive...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.