Come calcolare il TFR netto

di Costantino Meloni tramite: O2O difficoltà: media

Il TFR, ovverosia itrattamento di fine rapporto (conosciuto anche liquidazione o buona uscita) spetta a coloro che hanno concluso un rapporto lavorativo con il proprio datore di lavoro. Si tratta di una somma in denaro che il datore deve consegnare al lavoratore, a conclusione del suddetto rapporto (chiusura di contratto, licenziamento, dimissioni o pensionamento). È possibile calcolare il TRF netto tramite alcune formule che ora andremo ad analizzare, correlate di esempi esplicativi.

Assicurati di avere a portata di mano: Tutte le buste-paga, calcolatrice, foglio di carta

1 Quando si conclude un rapporto di lavoro, il lavoratore consegue una somma in denaro chiamata TFR. Ne esistono due tipi, il TFR Lordo e quello Netto. Quello percepito dal lavoratore sarà quello Netto, mentre quello Lordo servirà a calcolare il valore del primo.

2 Vediamo quindi come calcolare il TFR Lordo. Per prima cosa bisogna calcolare le QUOTE DI ACCANTONAMENTO, ossia la somma di denaro depositata nel TFR dal datore di lavoro, per ogni anno lavorativo. La formula è la seguente:

SOMMA DI TUTTE LE RETRIBUZIONI LORDE DELL'ANNO/13,5

Un piccolo esempio chiarificatore: se nell'anno 2013 la retribuzione lorda è stata pari a 25.000 euro, la quota di accantonamento sarà:

25.000/13,5 = 1851,85 €

Continua la lettura

3 Il TFR Netto si ottiene sottraendo al TFR Lordo, la tassazione riguardante l'aliquota IRPEF del proprio scaglione.  Gli scaglioni di appartenenza per l'anno 2013-2014 sono:

- Primo scaglione: da zero a 15.000 euro - aliquota del 23%.
- Secondo scaglione: da 15.001 a 28.000 - aliquota del 27%.

Dal terzo al quinto scaglione si applica l'aliquota del 27% fino ai 28.000 euro e in aggiunta:

- Terzo scaglione: per l'eccedenza dai 28.001 ai 55.000 - aliquota del 38%.
- Quarto scaglione: per l'eccedenza dai 55.001 a 75.000 - aliquota del 41%.
- Quinto scaglione: per l'eccedenza oltre i 75.001 - aliquota del 43%.

4 Supponendo di aver svolto il lavoro per 15 anni avendo maturato un TFR di 30.000 euro, ora calcoliamo la BASE IMPONIBILE che ci consentirà di capire a quale scaglione apparteniamo.

(TFR Lordo x12)/ANNI LAVORATIVI (dove 12 è un parametro fisso)

Seguendo il nostro esempio:
(30.000 x 12)/15 = 24.000 €

Si dovrà quindi tener conto dell'aliquota del 27%, essendo appartenenti al secondo scaglione.

5 Per calcolare l'ammontare delle tasse da detrarre al TFR Lordo si utilizza la seguente formula:

(BASE IMPONIBILE/100) x ALIQUOTA SCAGLIONE (dove 100 è un parametro fisso)

Continuando il nostro esempio:
(24.000/100) x 27 = 6480 €

6 Infine con la seguente formula si calcola il TFR Netto, ossia la somma in denaro che riceveremo dal nostro ex datore di lavoro:

TFR Lordo - TASSE IRPEF

Il risultato finale del nostro esempio è:

30.000 - 6480 = 23.520 €

Come calcolare il TFR Molti di voi vanno spesso incontro a problemi di natura fiscale ... continua » Come si calcola il guadagno netto di un'ora di lavoro straordinario A chi possiede un contratto di lavoro dipendente può essere richiesto ... continua » Le diverse forme di progressività delle imposte Molto spesso quando trattiamo la materia tributaria abbiamo delle problematiche di ... continua » Come calcolare il rimborso Irpef dal Cud Ogni anno il lavoratore dipendente sa che riceverà dal datore di ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come scorporare l'iva

L'imposta sul valore aggiunto, meglio conosciuta come IVA, è la tassa di tipo indiretto che rappresenta la più grande fonte delle entrate dello Stato ... continua »