Come calcolare adeguamento ISTAT del vostro canone di affitto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L'ISTAT o Istituto di Statistica è un ente che calcola svariati indici utili sia per le persone comuni che per la pubblica amministrazione. Tra i tanti di cui si occupa, vi è quello per la variazione del costo della vita per le famiglie di operai e impiegati. Questo ne misura la variazione in base ad un paniere di beni predefinito. Allo scadere di ogni anno, ha un ruolo molto importante per tutti. Determina, infatti, la cifra con cui verranno aumentati il canone dell'affitto per gli inquilini e gli alimenti da versare al coniuge nel caso di coniugi separati. In questa guida, vi spiegheremo come recuperarlo. Inoltre, vi illustreremo come utilizzarlo per calcolare l'adeguamento ISTAT del canone di affitto. I prossimi passi saranno utili sia ai piccoli proprietari che agli inquilini. I primi effettueranno i calcoli nel modo corretto ed i secondi ne verificheranno la correttezza.

26

Occorrente

  • contratto di affitto
  • penna
  • calcolatrice
  • computer
36

Innanzitutto, dovete recuperare il valore di adeguamento dell'indice ISTAT. Per fare questa operazione, dovete collegarvi al sito ufficiale all'indirizzo: "http://www. Istat.It". Nella prima pagina sul lato destro, c'è l'apposito collegamento chiamato Indice per aggiornare affitti e assegni familiari. Qui troverete tutti quelli utili. Fate attenzione a selezionare il giusto periodo di riferimento nell'omonima colonna. Facciamo un esempio pratico. Supponiamo di essere a dicembre 2013. Se avete stipulato un contratto di affitto a dicembre 2012, il valore da utilizzare per adeguare gli importi e pari a +0,6%.

46

La pagina ISTAT dell'Indice dei prezzi al consumo, viene aggiornata mensilmente con quelli che vengono individuati come quelli di riferimento della mensilità in corso. Se ne cercate uno diverso da quello corrente, dovete fare un altro tipo di ricerca. Supponiamo che abbiate stipulato il contratto di affitto ad ottobre 2012. Come prima cosa, dovete collegarvi alla tabella che contiene tutti i valori del vostro indice che si chiama FOI.

Continua la lettura
56

Dopo aver ottenuto l'indice da applicare, dovete effettuare i calcoli necessari per ricavare il nuovo importo. In genere, sui contratti di locazione, l'aumento ISTAT viene applicata con la percentuale del 75%, ma occorre verificare che sia presente come clausola sul contratto. Calcolate il 75% moltiplicando 0,7 x 0,75 = 0,525. Questo è il valore che dovete utilizzare per calcolare l'importo del nuovo affitto. Per semplificare, supponiamo che inizialmente l'affitto concordato fosse di euro 1.000, con la clausola di rivalutazione ISTAT al 75%.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate attenzione a selezionare il giusto periodo di riferimento nell'omonima colonna
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come calcolare l'aggiornamento Istat sull'affitto

Se avete un immobile in locazione, saprete sicuramente che il canone d'affitto di un contratto potrà essere aumentato ad ogni scadenza contrattuale. L'aumento da calcolare è quello riguardante il tasso d'inflazione emanato dall'Istat. Il calcolo di...
Finanza Personale

Come ottenere il contributo integrativo all'affitto dal comune di Trapani

Il comune di Trapani, eroga ogni anno a favore dei ceti meno abbienti, un contributo economico per far fronte alle varie spese da sostenere e cercare di eliminare il disagio che queste famiglie si trovano ad affrontare. Se siamo cittadini di questo comune...
Case e Mutui

Come disdire un contratto di affitto senza preavviso

Il contratto di affitto, altresì conosciuto come contratto di locazione, è un accordo scritto tra il proprietario dell'immobile ed un altro soggetto, ovvero l'inquilino, per un determinato periodo di tempo. La sottoscrizione di questo accordo rappresenta...
Finanza Personale

Come preparare e registrare un contratto di affitto

Se si vuole affittare un immobile è consigliabile preparare e registrare il contratto; in questo modo si ha la possibilità di poter essere tutelati da eventuali problemi che possono sorgere. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli...
Finanza Personale

Come calcolare la rivalutazione locazioni

Purtroppo può avvenire che i versamenti dei contratti di locazione richiedono un incremento poiché si riscontra che tali canoni sono soggetti a rivalutazione. Infatti il canone viene sottoposto ad una sorta di revisione ricalcolando i prezzi in base...
Case e Mutui

Appartamento in affitto: guida agli svantaggi

Quando ci apprestiamo a sottoscrivere un contratto di locazione, e quindi a ricevere in affitto una casa, ci sono alcuni svantaggi che potrebbero farci agire diversamente, quindi optando per una soluzione alternativa, ovvero di acquistarla. Se ciò non...
Case e Mutui

Come valutare Un Contratto Di Locazione Con La Cedolare Secca

La “cedolare secca” è un regime facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell’immobile). In più, per i contratti sotto cedolare secca non andranno...
Case e Mutui

Come registrare un contratto d'affitto

Se possedete una casa o un locale e ad un certo punto decidete di affittarla ad una famiglia, ad un gruppo di studenti universitari oppure ad alcuni turisti in vacanza, dovrete prima regolarizzare il tutto facendo registrare il contratto presso un qualsiasi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.