Come bloccare il bancomat in caso di furto o smarrimento

di Daniele Rinella tramite: O2O difficoltà: facile

La carta di debito, comunemente chiamata "bancomat" è uno strumento di pagamento ampiamente diffuso per effettuare prelievi di contanti e pagamenti con addebito automatico sul proprio conto. La comodità di tale strumento risiede nel facilitare le transazioni commerciali e nel permettere la tracciabilità delle singole operazioni, secondo le attuali norme sulla circolazione del denaro. Purtroppo, insieme all'importanza del bancomat, sta crescendo anche la paura di subirne un furto o contraffazione. Proviamo ora ad indicarvi alcuni semplici consigli per prevenire spiacevoli disagi e come bloccare il bancomat in caso di furto o smarrimento.

Assicurati di avere a portata di mano: Carta di debito o bancomat Telefono cellulare Numero verde della banca che ha emesso il vostro bancomat

1 Premesso che è sempre meglio prevenire che curare, vi indicheremo alcune semplici accortezze per evitare furti o contraffazioni. Prima di ogni prelievo e/o pagamento, assicuratevi di non avere persone in atteggiamento sospetto nelle vicinanze; controllate, inoltre, che lo sportello sia "integro" e che non ci siano apparecchiature poco stabili o danneggiate (come la fessura in cui viene inserita la carta o la tastiera su cui si digita la password) o che vi siano microtelecamere per "spiare" i vostri codici. È consigliato utilizzare delle "barriere visive" durante la digitazione del codice segreto: coprite la tastiera con una mano e con il portafogli per evitare che qualcuno o qualcosa individui il vostro pin.

2 Nonostante tutte le precauzioni, talvolta, può capitare di subire un furto e di dover porre rimedio allo scomodo inconveniente. Per prima cosa, appena ci si accorge dello smarrimento o del furto del bancomat è necessario chiamare il numero verde (che avrete avuto l'accortezza di memorizzarvi su supporti facilmente reperibili anche in caso di furto) predisposto per il blocco dall'istituto che ha emesso la carta: ciò è necessario ma non sufficiente al disbrigo della pratica. Occorrerà sporgere una ordinaria denuncia di furto e/o smarrimento e recarsi con copia di questa presso lo sportello della vostra banca presso cui avete il c/c per confermare l'accaduto.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Dal momento della segnalazione del furto o smarrimento, il titolare è sollevato da ogni responsabilità per eventuali utilizzi illeciti da parte di terzi.  Infine, sarà possibile richiedere un duplicato del proprio bancomat che verrà rilasciato, di norma, gratuitamente ed ovviamente con un altro codice identificativo differente dal precedente ormai smarrito.  Approfondimento Come fare in caso di smarrimento o furto del bancomat (clicca qui) In ogni caso, è sempre consigliato informarsi sulle modalità e tempistiche specifiche di ogni istituto bancario per i casi di furto e/o smarrimento, potendo queste cambiare da gestore a gestore.

Non dimenticare mai: Non conservate mai il bancomat ed il codice segreto insieme Memorizzatevi il numero verde per bloccare la carta bancomat I numeri verdi cambiano se siete all'Estero da Paese a Paese Alcuni link che potrebbero esserti utili: Blocco carte di credito e prepagate. Blocco carte di credito: numeri utili da contattare. Furto o smarrimento della carta di credito.

5 cose da fare prima di bloccare un bancomat Se vi capita di smarrire un bancomat, prima di bloccarlo dovete ... continua » 10 regole per evitare truffe bancomat Recarsi allo sportello ATM per prelevare del denaro è un'azione ... continua » Come Difendersi Dalla Contraffazione Del Bancomat È sempre più diffuso il giro di affari legato alla contraffazione ... continua » Come bloccare un assegno L'assegno rappresenta uno dei titoli di credito più diffusi e ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.