Come avviare un'attività attraverso il crowdfunding

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il crowdfunding, che letteralmente significa finanziamento collettivo, rappresenta una sorta di micro-finanziamento dal basso, quindi in grado di riuscire a mobilitare persone o risorse per poter avviare la raccolta di fondi necessari affinché si possa giungere al compimento di un progetto, oppure all'avvio di un'attività. Tale movimento di mezzi e di risorse può avvenire proprio grazie alla presenza di persone interessate alla concretizzazione del progetto stesso, oppure alla volontà di far espandere una determinata attività. Quest'ultima, ovviamente, dev'essere, a partire dalle sue premesse, destinata a portare innovazioni in campo tecnologico, scientifico, artistico o sociale.
Il crowdfunding si occupa quindi di sfruttare quelle che sono le potenzialità di internet unendole allo spirito imprenditoriale e alla volontà, da parte della collettività, di abbattere le normali barriere dell'investimento finanziario per riuscire a raggiungere una finalità comune. Quello che ci si chiede in queste circostanze è: come è possibile, tra la miriade di progetti proposti sul web, farsi notare e riuscire, infine, ad avviare un'attività proprio attraverso l'utilizzo del crowdfunding? Studiare bene gli effetti di questo finanziamento e prendere alcune piccole accortezze permettono, sicuramente, di avere maggiori possibilità di poter ricevere dei fondi e riuscire così ad avviare concretamente la propria attività. A questo proposito, nei passi seguenti di questa guida cercheremo di capire proprio come possiamo avviare un'attività attraverso il crowfunding.

25

Innanzitutto, è necessario, come primo passaggio, effettuare l'iscrizione a delle piattaforme di crowdfunding, ovvero quei siti web che, in un certo senso, si occupano di mettere in comunicazione i fautori di un potenziale progetto o di una determinata attività con una grande quantità di utenti, cioè tutti coloro che poterebbero essere dei finanziatori. Esistono varie tipologie di piattaforme, da quelle aperte a ogni area di interesse, a quelle tematiche, dunque pronte ad accogliere solo dei generi circoscritti e meno vari di startup innovative. Le più importanti, per quanto riguarda l'Italia, sono rappresentate sicuramente da Eppela, Starteed, Pdb (Produzioni dal Basso), Crowdfunding-Italia e SiamoSoci. Queste, solitamente, non impongono alcuna commissione sui progetti da loro supportati o sui fondi raccolti, e anche la registrazione su questi siti è gratuita. Invece, per quanto riguarda l'estero le piattaforme più conosciute sono Kickstarter ed Indiegoogo.

35

Quello che bisogna tenere presente è che rendere noto il proprio prodotto o la propria attività su una piattaforma di crowdfunding conferisce, sicuramente, molte possibilità in più per quanto riguarda la possibilità di rendere concrete, nel prossimo futuro, le proprie idee. Bisogna comunque tenere conto delle tipologie di piattaforme a cui ci si rivolge, in maniera tale da poter scegliere quella giusta per l'attività che ci interessa intraprendere. Le piattaforme possono essere suddivise essenzialmente in quattro categorie:

-Reward-based, ovvero quelle in cui i finanziatori ricevono una ricompensa non monetaria (beni materiali o intangibili) in seguito alla loro donazione. A queste appartengono, per esempio, Eppela, PdB, Started;
-Donation-based, cioè quelle in cui i finanziatori non ricevono alcuna ricompensa in cambio della propria donazione;
-Equity-based, nella quale i finanziatori si trovano, in sostanza, ad acquisire una parte del capitale azionario della società per la quale hanno effettuato la donazione. Questo avviene, per esempio, nella piattaforma SiamoSoci.
-Lending-based, che sono basate su un prestito, con interessi, che viene effettuato tra privati, di somme di denaro.

Continua la lettura
45

Dunque come possiamo sfruttare al meglio le funzionalità delle piattaforme e ricevere più fondi possibili per avviare la propria attività?

Innanzitutto sarà opportuno valutare e scegliere la piattaforma più congeniale alle proprie esigenze, in quanto questa assumerà un'importanza vitale: quella giusta per voi, infatti, può contenere anche il giusto bacino di utenza, ovvero quello potenzialmente più interessato a donare fondi per l'attività che si desidera promuovere e far espandere;

Inoltre conviene sempre stabilire un periodo di tempo breve, quindi non più di 30 giorni, per il raggiungimento del proprio obiettivo, in modo tale da stimolare gli utenti a effettuare una donazione nell'immediato. Solitamente, infatti, sono i tempi brevi che stimolano il successo della raccolta fondi;

Nel caso in cui fosse possibile possibile, è molto importante cercare di ricambiare il favore ai donatori, eventualmente anche con beni non monetari, in quanto questo aumenterebbe le probabilità di successo di una raccolta fondi;

Conviene, inoltre, cercare di raccontare il progetto in maniera coinvolgente per far sì che possano essere esaltate l'utilità e, dunque, la necessità che la sua realizzazione possa diventare realtà proprio tramite le donazioni. Per questo scopo può essere particolarmente utile proporre un video in cui, in prima persona, vengano raccontate nel dettaglio quelle che sono le potenzialità del proprio progetto o della propria attività. Chi si espone in prima persona, infatti, viene ritenuto dai possibili donatori sicuramente molto più affidabile di chi si nasconde dietro lo schermo di un pc.

È molto utile per poter attirare eventuali donazioni anche l'utilizzo di un titolo intrigante o divertente che, al primo impatto, possa coinvolgere gli utenti e creare delle aspettative positive sul progetto, con un conseguente picco di interesse e, dunque, anche di donazioni.

Infine, di importanza vitale è anche l'utilizzo dei social network: Facebook, infatti, può trasformarsi in un ottimo trampolino di lancio per tutto quello che ruota attorno la concretizzazione delle proprie idee. Attraverso questo strumento, infatti, si tenere alta l'attenzione, con immagini e status, e far sentire gli utenti partecipi. Sicuramente un buon utilizzo di Facebook è in grado di fare la differenza tra una più o meno efficace promozione di sé e della propria attività presente o futura che sia.
Ora abbiamo che abbiamo spiegato veramente tutto ciò che bisogna assolutamente sapere del crowdfunfing, non vi resta altro da fare che farsi venire delle idee innovative e cimentarvi nella creazione della vostra impresa!

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come trovare i finanziamenti in Italia per il Crowdfunding

In questa guida ci occupiamo di un argomento molto interessante che ha un nome specifico, proprio in riferimento al tema trattato. Si tratta, infatti, del cosiddetto crowdfunding, che rappresenta uno strumento di cooperazione sociale, utilizzato per finanziare...
Aziende e Imprese

Come fare Crowfounding

Il crowdfunding inteso come nostro business personale, se adeguatamente ottimizzato, può rivelarsi un’iniziativa di successo; infatti, se si riescono ad individuare alcune tecniche, strategie e a carpire dei segreti, il crowdfunding sarà in grado...
Aziende e Imprese

5 modi per finanziare una startup

Per chi non lo sapesse ancora, una startup non è altro che una impresa alle prime armi, ossia che si accinge per essere avviata. Naturalmente, una delle pecche a cui bisogna dare adito all'avvio di una startup di successo, è sicuramente il possesso...
Aziende e Imprese

Guida alle ONLUS

Con il termine ONLUS s'intende qualunque Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. Le ONLUS comprendono anche gli enti privati che operano per il bene della collettività. I loro obiettivi principali sono il benessere e lo sviluppo sociale. Tutte...
Aziende e Imprese

Startup: 5 modi per raccogliere fondi

La startup è un tipo di società di capitali che sta via via trovando sempre più notorietà presso riviste telegiornali e altri mezzi di comunicazione. Queste società di capitale possono essere fondate da chiunque, a patto che il capitale sociale sia...
Lavoro e Carriera

10 errori da evitare in una startup

Start up è un termine che va molto di moda ultimamente, ma cosa è veramente una start up? Il termine deriva dall'inglese e potrebbe essere tradotto in "avvio", ed in effetti si tratta proprio di un'attività imprenditoriale che nasce per la prima volta....
Finanza Personale

Come farsi aiutare economicamente

Quando abbiamo dei problemi economici e non avendo la possibilità di accedere a prestiti bancari o fiduciari, è importante sapere che oltre ovviamente a parenti e amici, ci sono altre opportunità disponibili sul web. Infatti, si tratta di una vera...
Aziende e Imprese

Come creare una start up vincente

Negli ultimi tempi il nostro paese ha assistito alla nascita di quasi 2000 start up. Questi nuovo tipo di sta prendendo sempre più piede in ogni settore di ogni mercato. I motivi sono diversi. Tali aziende godono infatti di regimi fiscali agevolati....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.