Come avere un buon rapporto con il proprio datore di lavoro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il rapporto con il proprio datore di lavoro è un rapporto di tipo gerarchico, non sempre fondato sulla condivisione di interessi. Conflitti, tensioni e incomprensioni sono possibili e frequenti, ma ciò non toglie che queste situazioni problematiche possano essere gestite in maniera appropriata.
I prerequisiti fondamentali per stabilire un buon rapporto con il diretto superiore sono la correttezza, la disponibilità e la professionalità. In pratica si tratta di assumere atteggiamenti derivanti da un codice deontologico che, se non previsto dal contratto, può essere benissimo costruito ed è di grande aiuto in ambito professionale, laddove non ci sia abuso di potere o mobbing.

26

Occorrente

  • Codice deontologico
  • Contratto regolare e legale
36

Essere corretti in campo lavorativo garantisce il rispetto delle regole condivise, necessarie per il funzionamento di qualsiasi sistema sociale umano: il rispetto degli orari, la puntualità, la segretezza e la riservatezza rendono un lavoratore rispettabile e credibile, poiché sono segno di integrità morale. La correttezza si abbina perfettamente con la trasparenza, che non vuol dire esprimere sempre e comunque ciò che si pensa, ma agire senza sotterfugi o ambiguità. Essere corretti significa anche essere chiari e capaci di esprimere il proprio dissenso con i dovuti modi.

46

La disponibilità è una qualità essenziale, perché senza di essa non vi è collaborazione. Non va confusa né con il servilismo né con lo stato di sudditanza psicologica. Si deve essere disponibili quel tanto che è previsto dal contratto; ciò che va oltre deve essere sempre negoziato e mai accettato supinamente. Non bisogna temere di dire no quando un datore di lavoro chiede oltre il dovuto, poiché non è lecito. Al giusto rifiuto, sicuramente qualcuno si risentirà, vivendo la situazione come un affronto personale, reazione tipica di chi si nutre dell'esercizio del proprio potere e perde il senso del limite. Dire di no, è un mettere limite a possibili abusi ed è la maniera più appropriata per tutelarsi dagli sconfinamenti di ruoli e di doveri.

Continua la lettura
56

Essere professionali vuol dire possedere delle abilità e delle competenze; di fronte a queste non vi è tiranno che tenga, perché non sono trascurabili: sono ciò che distinguono un professionista qualificato da uno che non lo è. La professionalità si conquista con lo studio e con l'esperienza, ma anche con la consapevolezza del proprio valore, dei propri punti di forza e di debolezza. Quando si esercita la professionalità, anche il datore di lavoro più distratto o più disumano deve riconoscerla e il rispetto dei diritti di un lavoratore comincia da lì. Anche se confinata in un ambito strettamente specialistico, la professionalità è sempre indispensabile e necessaria al buon funzionamento di un sistema.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Avere fiducia nelle proprie capacità
  • Essere corretti e disponibili, mantenendo le giuste distanze

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Contratto a tempo indeterminato: cause di licenziamento

Uno dei problemi italiani odierni è quello del contratto a tempo indeterminato. Avere un contratto a tempo indeterminato significa avere un termine, un limite per poi cessare e chiudere il contratto. Nel contratto però non sarà presente un limite determinato...
Lavoro e Carriera

Contratto di apprendistato: pro e contro

Una delle forme più impiegate per inserire i giovani nel mondo dei lavoratori è il contratto di apprendistato. Pertanto è fondamentale conoscere sia i vantaggi sia gli svantaggi della contrattazione nazionale prevista, cosi da essere consapevoli di...
Lavoro e Carriera

Cosa fare se il datore di lavoro non paga

Può accadere di avere dei seri problemi con il proprio datore di lavoro. I problemi con cui si può venire in contatto sono veramente tanti e possono succedere ogni giorno, in particolar modo in questo periodo di profonda crisi economica. Nello specifico,...
Lavoro e Carriera

Come comunicare al datore di lavoro la gravidanza

Il mondo del lavoro può diventare un ambiente ostico specialmente per le donne, nonostante una teorica "uguaglianza" di diritti che non rispecchia la realtà: infatti è notizia di questi giorni come lo stipendio di una donna rimane più basso rispetto...
Lavoro e Carriera

Come contattare via e-mail un possibile datore di lavoro senza errori

Questa guida offre consigli su come contattare senza errori un possibile datore di lavoro utilizzando un'e-mail. L'approccio iniziale può avvenire con due modalità: la risposta ad un annuncio (su riviste, siti web, portali specifici, etc.) o l'auto-candidatura....
Lavoro e Carriera

5 caratteristiche del contratto a tempo indeterminato

La crisi economica di questi ultimi anni ha portato diverse aziende alla chiusura; a sua volta, questo ha determinato la perdita di numerosi posti di lavoro. Molte persone si sono trovate senza un'occupazione, accettando successivamente nuove forme di...
Lavoro e Carriera

Come regolarizzare una colf

Regolarizzare una colf non è così difficile. È però importante conoscere bene quali sono i diritti e i doveri che hanno sia il datore che il collaboratore. Vediamo dunque i passi fondamentali per andare incontro a una assunzione senza rischi. Vedremo...
Lavoro e Carriera

Come agire in caso di contributi non versati da parte del datore di lavoro

In questo articolo abbiamo pensato di affrontare un problema che purtroppo, molto spesso, affligge molti lavoratori. Vogliamo parlare di come poter agire nel caso in cui abbiamo dei contributi, che non vengono versati, da parte del nostro datore di lavoro....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.