Come aprire uno Studio Legale

di Giulia Ciaramitaro tramite: O2O difficoltà: difficile

Aprire uno studio Legale è il sogno di molti laureati in legge, soprattutto di coloro che non hanno la fortuna di avere in famiglia uno Studio legale già avviato. Chiunque abbia una tale prospettiva deve però mettere in conto un iter piuttosto lungo e lento. Requisiti indispensabili sono, ovviamente, la laurea il giurisprudenza, il praticantato e l'iscrizione all'albo degli avvocati. Inoltre sarà necessario aver individuato una zona strategica in cui aprire lo studio, avere a disposizione un capitale da investire non indifferente e possedere capacità quali intraprendenza, spirito di iniziativa, pazienza e volontà di collaborare. Vediamo insieme, a tal proposito, come aprire uno Studio Legale.

Assicurati di avere a portata di mano: Laurea in Legge, praticantato e iscrizione all'Albo Intraprendenza, spirito di iniziativa e di collaborazione Capitale da investire

1 Come prima cosa dovrete richiedere l'apertura di una partita iva alla Camera di Commercio più vicina. Sul sito dell'Agenzia delle Entrate sono presenti tutte le delucidazioni a riguardo. Successivamente sarà necessaria anche la registrazione al registro delle imprese, operazione che ormai è possibile svolgere online. Dovrete richiedere l'iscrizione alla Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense, versando i contributi. Dal punto di vista fiscale dovrete pagare le imposte su quanto guadagnerete. L'importo delle fatture che emetterete nei confronti dei clienti lo dovrete indicate nella dichiarazione dei redditi.

2 A questo punto è necessario cercare uno studio che possa ospitare la vostra nuova attività, in un luogo lontano da altri studi legali, ma allo stesso tempo vicino a zone in cui si trovano altri uffici e, preferibilmente, dotate di parcheggio. Dovrete dimostrare le vostre capacità anche nella scelta dei particolari che però sono indispensabili, come ad esempio quella del logo dello studio legale, che non dovrà essere simile ad altri. Ricordate, però, che prima di affiggere il logo sarà necessario chiedere l'autorizzazione al Comune interessato e che per la sua installazione dovrete pagare una tassa annuale.

Continua la lettura

3 Per ridurre, almeno all'inizio, gli alti costi necessari ad aprire uno studio legale, potreste decidere di aprirne uno in franchising.  In questo modo, pur dovendo cedere una percentuale dei propri guadagni, avrete il vantaggio di risparmiare su infrastrutture, consulenze e sulle varie iscrizioni.  Approfondimento Come iscriversi all’albo dei praticanti avvocati (clicca qui) Un altro modo per ridurre i costi potrebbe essere quello di aprire uno studio associato, in modo da dividere le spese con gli altri avvocati.  Da non trascurare, inoltre, sono non soltanto i benefici che si ricavano dall'avere a fianco colleghi con idee diverse dalle proprie, ma anche quelli derivanti dalla limitazione della concorrenza.

Non dimenticare mai: Per ridurre, almeno all'inizio, gli alti costi necessari ad aprire uno studio legale, potreste decidere di aprirne uno in franchising. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Aprire uno studio legale Diventare avvocato Legal Marketing: Come creare una startup legale di successo Come costruire una strategia di web marketing per uno studio legale

Come diventare avvocato civilista Il mestiere di avvocato è affascinante, utile e molto ambito tra ... continua » Assicurazione obbligatoria per avvocati: tutte le informazioni In data 15 agosto 2013, un emendamento al Decreto del Fare ... continua » Come Farsi Assistere Da Un Avvocato A Spese Dello Stato L'avvocato (dal latino advocatus sostantivo derivante dal participio passato del ... continua » Come diventare avvocato dello Stato Riuscire a diventare ciò che si è sempre sognato da piccolo ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.