Come aprire una scuola di inglese

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Sempre più spesso capita di imbattersi in annunci lavorativi di ogni settore (bancario, finanziario, amministrativo, commerciale, manageriale, etc.) in cui è richiesta, come requisito necessario, la conoscenza della lingua inglese. Il numero di persone che per esigenze lavorative, ma non solo, decide di frequentare un corso di lingua inglese è decisamente crescente. Parallelamente, per soddisfare questo trend in continuo aumento si sono diffuse diverse scuole di lingue. Oggi avviare un'attività come questa può rappresentare un buon investimento. In questa guida vedremo come aprire una scuola di inglese.

27

Occorrente

  • Partita I.V.A.
  • Iscrizione alla camera di commercio
  • certificazione
  • autorizzazione sanitaria
  • locali
  • budget
  • personale qualificato
  • insegnanti di madre lingua
37

Innanzitutto c'è da sapere che le scuole di lingua straniera sono considerate dallo Stato come "organismi privati" e pertanto rappresentano enti differenti dalle scuole paritarie o non paritarie. Di fondamentale importanza sono gli adempimenti amministrativi con cui bisogna inevitabilmente avere a che fare per avere tutte le carte in regola. La prima cosa da fare è aprire una partita iva e di conseguenza iscriversi alla camera di commercio. Il passo successivo sarà segnalare, con apposita certificazione, l'apertura della vostra attività presso la S. C. I. A. (segnalazione certificata di inizio di attività). L'ultimo passo da effettuare consiste nell'ottenimento dell'autorizzazione sanitaria dei locali da parte dell'ASL del territorio di competenza.

47

Un altro passo fondamentale nell'apertura di una scuola di inglese riguarda la scelta dei servizi da offrire e il target a cui ci si vuole rivolgere almeno inizialmente. Sulla base di queste due sole variabili si possono avere diverse soluzioni (corsi per bambini, per ragazzi e per adulti, differenziati in base ai vari livelli). Fate inoltre attenzione a tutti i dettagli che devono essere considerati per l'apertura della vostra nuova attività. La scelta dei locali, per esempio, dovrà tenere conto del bacino di utenza offerto dalla zona, della posizione strategica del locale, dei collegamenti con le zone centrali (qualora si trovasse in periferia) e ovviamente del budget a disposizione (che dovrebbe aggirarsi tra i 60 e i 90 mila euro).

Continua la lettura
57

Non sarà certamente possibile portare avanti da soli questa impresa. Bisognerà avvalersi di personale qualificato: un esperto direttore didattico, per organizzare l'attività didattica in generale e sviluppare i differenti corsi; un segretario che si occupi delle pratiche di iscrizione e delle pratiche amministrative e ovviamente il personale docente. Quest'ultimo dovrà essere di madre lingua inglese con attestazione comprovata.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Offrite qualcosa di particolare, di diverso e soprattutto di utile.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.