Come aprire una pescheria

di Alex Pinturicchio tramite: O2O difficoltà: difficile

In tempo di crisi è difficile trovare il coraggio (e talvolta i fondi) per intraprendere l'apertura di una propria attività personale, eppure c'è chi con passione e tenacia riesce nel proprio intento, coronando così un sogno che inizialmente poteva apparire quasi impossibile da realizzare. È ovvio che il coraggio non basta se non affiancato ad una buona dose di conoscenza tecnica e amministrativa, ed è per questo motivo che quella che proponiamo oggi è una guida che vi darà tutte le informazioni necessarie per farvi intraprendere la strada desiderata. Ci focalizzeremo su un tipo di attività in particolare, poiché fa capo ad una categoria che spesso viene lasciata da parte nel mondo dell'informazione, descriveremo infatti su come bisogna procedere per aprire una pescheria, portando a galla le spese e i compiti legali da affrontare.
Vediamo quindi cosa comporta aprire una pescheria ma soprattutto come farlo.

1 Partiamo innanzitutto descrivendo la classica giornata che bisognerà affrontare. Come per qualsiasi attività commerciale, la gestione di una pescheria potrebbe da principio risultare decisamente stressante, infatti, a meno che il pesce non sia consegnato da un servizio di trasporti, diventa necessario acquistarlo di persona. Se è vero che a causa di ciò saremo costretti a puntare la sveglia ad un orario che non supera le 4.30, non abbattiamoci, poiché avremo la possibilità di guardare con i nostri occhi cosa intendiamo o non intendiamo acquistare, fattore cruciale, questo, se intendiamo offrire prodotti di qualità alla nostra clientela.

2 Dopo l'acquisto del prodotto faremo ritorno al nostro punto vendita dove procederemo a lavare e pulire il pesce, quindi ad esporlo al pubblico al fine di attirare quanta più clientela possibile.
L'orario di chiusura è variabile, ed è infatti necessario ricordare che secondo le odierne disposizioni, gli esercizi commerciali di vendita al dettaglio possono restare aperti al pubblico dalle ore 7 alle ore 22. Anche se è vero che in questo arco temporale spetta al negoziante stabilire l'orario di apertura e di chiusura del negozio, questo, comunque, non può rimanere aperto per più di 13 ore consecutive.

Continua la lettura

3 Dopo aver illustrato una tradizionale giornata, è il momento di sapere quanto denaro serve per aprire questa affascinante attività; possiamo ovviamente intraprendere il tema mantenendoci su descrizioni molto generali, tenendo conto delle attuali tendenze: per allestire un locale di circa 40mq potrebbero essere necessari all'incirca 40.000 euro.  È questa all'incirca la somma che è necessaria per piastrellare l'intero locale, acquistare una cella frigorifera con regolatore elettronico, entrare in possesso di un mezzo di trasporto che utilizzeremo per trasportare il pesce acquistato.  Approfondimento Consigli per allestire un banco pescheria (clicca qui) Quest'ultima spesa non è d'obbligo, ma la suggeriamo caldamente poiché consente eventuali spostamenti e quindi la possibilità di vendere la propria merce anche al di fuori della postazione fissa, incrementando di molto i guadagni in vista di fiere, mercatini, etc.

4 Naturalmente, per aprire una pescheria occorre aprire la partita Iva, e sempre in questa ottica è necessario iscriversi al registro della Camera di commercio della propria provincia, ottenere l'autorizzazione sanitaria per i locali richiedibile all'ufficio sanitario del proprio Comune che provvederà ad effettuare i dovuti esami nel vostro locale. Tutti questi documenti legali non sono a pagamento, tuttavia viene applicato il costo delle marche da bollo e delle concessioni governative.

5 Per quanto riguarda i guadagni, invece, possiamo dire che tutto dipende da fattori che possono variare sensibilmente a causa della posizione geografica dove il locale è sito, e quindi dall'afflusso di persone che transitano per quella strada, o della popolarità dell'attività stessa (una nuova attività avrà entrate minori rispetto una operativa da diversi anni). Anche l'atteggiamento dello stesso venditore avrà un'importanza vitale per il commercio: la maleducazione e l'indisponibilità non aumenteranno di certo i guadagni!
In tema di rapporto costi-benefici, concludiamo la nostra guida affermando che il guadagno medio di una pescheria non dovrebbe scendere al di sotto del 30% del fatturato totale.

Come aprire una piccola azienda informatica Attualmente uno dei settori che ha risentito poco della crisi è ... continua » Come aprire una merceria Le donne, soprattutto quelle di una certa età amano moltissimo realizzare ... continua » Come aprire una lavanderia Aprire una nuova attività rappresenta sicuramente un passo molto importante e ... continua » Come aprire un negozio di parrucchiere Avviare una qualsiasi attività richiede un grosso investimento iniziale sia per ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come aprire un ristorante etnico

Un ristorante etnico è una soluzione imprenditoriale innovativa e proficua. Da anni, cresce la richiesta di piatti esotici, in ambienti con un'atmosfera particolare. Anche ... continua »

Come aprire un autolavaggio

Al giorno d’oggi aprire una propria impresa è un rischio, tuttavia vi sono settori che sembrano particolarmente redditizi nonostante l’imperversante crisi che dilaga ... continua »

Come aprire una friggitoria

Attualmente, in numerose città della Penisola Italiana, sono presenti tanti ristoranti e molteplici pizzerie: qualora il vostro desiderio fosse quello di cominciare un'attività commerciale ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.