Come aprire un conto bancario in Inghilterra

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Una meta molto gettonata fra i laureati e non è senza dubbio l'Inghilterra. Il tasso di immigrazione in Inghilterra è molto alto, ogni anno da tutto il mondo sono moltissime le persone che approdano su quest'isola in cerca di fortuna. La maggior parte punta con decisione verso la capitale, Londra, ma ci sono anche tante altre città molto ambite e accoglienti. A prescindere dalla città, una volta in Inghilterra, una delle prime operazioni da effettuare è quella di aprire un conto bancario. Operazione non semplicissima, per cui se volete evitare di incappare nelle varie problematiche. Ecco come aprire un conto in Inghilterra.

26

Occorrente

  • passaporto
  • residenza inglese
36

Sarà opportuno farvi un passaporto, se non lo avete già, il quale vi permetterà di sbrigare molte pratiche, tra cui l'apertura di un conto bancario in Inghilterra. Le banche inglesi più famose e, soprattutto ben disposte ad aprire un conto corrente agli stranieri, sono: HSBC, Barclays, Lloyds TSB, Natwest.
Visitando i loro siti web osserverete che quasi tutte offrono conti base per stranieri e, quasi sempre, a zero costo di apertura e/o mantenimento.

46

Altra condizione necessaria per aprire un conto bancario è quella di avere una residenza (in inglese "proof of address"), ossia un indirizzo di casa di dove vivete. Questo perché vi spediranno a casa la vostra debit card (una via di mezzo fra bancomat e carta di credito), oltre alla documentazione cartacea. Evitate di aprire un conto in banche molto centrali o in zone turistiche, poiché le probabilità di rifiuto sono elevate.

Continua la lettura
56

Recatevi in banca con il passaporto e allo sportello dite che volete aprire un conto bancario. Se sono impegnati vi daranno un appuntamento con un loro consulente. Sono in tanti gli stranieri che ogni anno arrivano, aprono un conto e poi lasciano l'Inghilterra, senza chiuderlo o lasciare recapiti per essere contattati altrove.

66

Scegliete un conto base senza costi di apertura. Saprete immediatamente se vi possono aprire un conto bancario in Inghilterra. Se avete seguito i consigli forniti nei passi precedenti, non dovreste avere problemi e vi apriranno il vostro conto base. Anche se trovate un lavoro ben remunerato, è praticamente inutile richiedere una carta di credito. In Inghilterra gli istituti bancari sono davvero restii a rilasciare una carta di credito e non solo agli stranieri, ma d'altronde questo non è un grande problema, perché la loro debit card vi permette di fare shopping online, prenotare viaggi e biglietti teatrali e molto altro ancora.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Banche e Conti Correnti

Come funziona un rid bancario

Il RID o "Rapporto interbancario diretto", è un servizio offerto dalle banche ai propri clienti che consente l'addebito automatico su un conto corrente. Generalmente questo tipo di servizio è utilizzato per consentire, appunto in modo automatico, il...
Lavoro e Carriera

Come cercare lavoro in Inghilterra

La maggior parte delle persone sognano di trasferirsi per lavoro in un altro paese. In questa guida focalizzeremo il discorso sugli step da eseguire ed, in modo particolare, su come cercare lavoro in Inghilterra. Potremmo scegliere di partire all'avventura...
Case e Mutui

Come comprare la seconda casa all’estero

Oggigiorno, la casa riveste nella vita di ogni individuo un'importanza davvero notevole, specie la prima casa, luogo in cui si vive nel quotidiano e si trascorre la propria vita, che dovrà rispondere alle proprie esigenze personali ed essere confortevole....
Case e Mutui

Come acquistare una casa in Inghilterra

L'acquisto di una casa è un enorme impegno finanziario, e quando si tratta di farlo all'estero lo è ancora di più. L'acquisto o la vendita di una casa in Inghilterra richiede normalmente 2-3 mesi, ma processo può richiedere più tempo se si è parte...
Aziende e Imprese

Come aprire un'attività in Inghilterra

Il Regno Unito si configura come una delle economie più floride del continente europeo e nella cerchia di quelle meglio strutturate a livello globale. Il segreto del suo successo è dovuto ad un sistema burocratico snello ed efficiente ed a una legislazione...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente in Lussemburgo

In teoria, tutto il necessario per aprire un conto bancario in Lussemburgo è il vostro passaporto (o un altro documento d'identità) ed un sorriso. Ovviamente, portarsi appresso una valigia piena di contanti è anch'esso un ottimo modo per rompere il...
Lavoro e Carriera

Regno Unito: come cercare lavoro

Il Regno Unito rappresenta da sempre una forte attrattiva per i giovani italiani. Nonostante la crisi economica degli ultimi anni, i dati occupazionali dell'Inghilterra risultano particolarmente incoraggianti. Il mercato inglese flessibile e dinamico,...
Banche e Conti Correnti

Come calcolare il rating bancario

Il rating bancario rappresenta un tipico strumento che consente di controllare, in maniera costante, il livello dei titoli obbligazionari e gli eventuali rischi a carico delle imprese. Generalmente il valore di questo parametro viene espresso in lettere....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.