Come aprire un colorificio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Aprire un negozio o comunque un'attività commerciale è il sogno di tanti giovani. Numerosi ragazzi vogliono intraprendere un'attività che li porterà a diventare commercianti. Ma spesso, questi giovani si trovano di fronte ostacoli burocratici quasi insormontabili. Non vi sono più da alcuni anni le licenze per gli esercizi fino a 250 mq di superficie e le tabelle merceologiche, rendendo l'apertura di un negozio molto più semplificata. Per quanto riguarda invece gli esercizi commerciali di dimensioni superiori ai 250 mq di superficie, vigono regole più restrittive. Vediamo insieme qual è iter da seguire e di come aprire un colorificio, lasciandoci consigliare dalla guida che segue.

26

Occorrente

  • Partita IVA
  • Iscrizione alla camera di Commercio
36

Ottenere tutti i moduli e i documenti

Innanzitutto, una volta deciso quale sarà il locale che ospiterà la vostra attività, vi dovrete recare all'Ufficio Tecnico del comune nel quale volete aprire questa attività. Qui dovrete consegnare un modulo, scaricabile dal sito www. Minindustria. It. Tale domanda varia a seconda del numero degli abitanti del comune e, della superficie del negozio che si vuole aprire. Comunque per ogni dubbio relativo a tali questioni, ci saranno i tecnici del comune. Una volta consegnato il modulo, dovrete a stipulare il contratto di locazione dell'immobile. Dovrete richiedere una partita IVA; per richiederne una, vi basterà recarsi presso l'Ufficio di Agenzia delle Entrate più vicino al negozio; lì avrete la possibilità di compilare il modello che loro stessi vi forniranno. Come ultima cosa dovremo aprire la posizione all'istituto nazionale di previdenza sociale e assicurativa.

46

Dedicare una stanza al laboratorio

Nel caso in cui dovessimo occuparci della vendita di articoli che possono anche essere prodotti artigianalmente, come nel nostro caso delle tinte, è possibile anche non soltanto occuparsi della vendita ma addirittura creare uno spazio-laboratorio dove poter proporre ai nostri clienti prodotti artigianali. Molti clienti apprezzano la presenza di un laboratorio, poiché il negozio sarà in grado di fornire sempre ed in ogni caso il prodotto a lui più congeniale, anche se non industriale.

Continua la lettura
56

Ultimi ritocchi

Dopo aver fatto tutte le carte e richiesto tutti i permessi a norma di legge, allora finalmente si può iniziare l’attività. L’investimento per aprire un colorificio è abbastanza fattibile e si aggira intorno ai diecimila euro. Ricordatevi di arredare in maniera adeguata il vostro fondo; l'ambiente deve essere accogliente e le merci devono essere esposte in maniera ottimale in scaffali, in modo tale che il cliente non si senta sperduto nel dover cercare le merci da solo. Infine, non dimenticate il bagno, il vostro è un luogo accessibile al pubblico, ed in quanto tale deve offrire ai clienti anche questo tipo di servizio.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fare un'accurata indagine di mercato

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come Gestire la vendita di merci in un'azienda

Alcune imprese svolgono come attività principale quella legata alla vendita di merci, che possono essere o acquistate da altre ditte per poi essere rivendute, o possono anche essere prodotte direttamente dall'azienda, nel caso in cui si tratti anche...
Aziende e Imprese

Dogana e merci Extra UE: 5 cose da sapere

La dogana è un’istituzione che ormai per quanto riguarda i paese della comunità europea, è del tutto scomparsa, ma per chi intende intraprendere un viaggio o si intende comprare da paesi extra europei, la dogana rimane ancora come frontiera e tutela...
Aziende e Imprese

Le regole essenziali per un importatore di merci

Nel mercato di oggi è importante importare merci non solo a livello nazionale o europeo ma anche a livello mondiale. Fallire in questo mondo, rimettendoci anche una discreta quantità di denaro, è un qualcosa di abbastanza possibile se non vengono rispettati...
Aziende e Imprese

Come Produrre Uno Schema Per Un Problema Di Approvvigionamento Merci

Tutti coloro che lavorano in un'azienda con addetta anche la sezione vendita, si ritrova davanti al problema di approvvigionamento merci. Questa problematica è associata alla vendita e commercializzazione di merci che vanno dai magazzini ai negozi, il...
Richieste e Moduli

Come richiedere uno spazio pubblico per il carico e lo scarico merci

Se avete un'attività commerciale di qualsiasi genere, non potrete far a mano di rapportarvi con dei fornitori. Che siano di generi alimentari, oppure di beni non deperibili, mobilia o addirittura farmaci, avrete sempre quotidianamente o settimanalmente...
Lavoro e Carriera

Come diventare un broker merci

In questa guida vi spieghiamo come e cosa dobbiamo fare per poter diventare un broker merci, cioè quella figura professionale che riesce ad organizzare l'intermediazione tra i camionisti e i produttori che hanno bisogno di trasportare la merce. Un broker...
Aziende e Imprese

Come si registra una fattura di acquisto merci intracomunitaria

I termini "cessione intracomunitaria" e "acquisizione intracomunitaria" sono relativi ai beni forniti da un business in uno Stato membro dell'UE ad un business in un altro Stato membro dell'Unione europea, in cui le merci sono spedite o trasportate dal...
Aziende e Imprese

Le regole essenziali per un esportatore di merci

L'esportazione è definita come la vendita di merci, o la prestazione di servizi, al di fuori del proprio Stato. Quando si parla di questa operazione dobbiamo ben distinguere l'esportazione in un paese comunitario (Europeo) dall'esportazione in un paese...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.