Come aprire un campeggio

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La vacanza in campeggio è un’opzione sempre più scelta da turisti di tutto il mondo. Questo, non solo per questioni economiche, visto che si tratta di una vacanza decisamente low cost rispetto ad altre, ma anche per il desiderio e la voglia di vivere una vacanza diversa dalle solite, immersi nella natura e lontani dalle comodità “cittadine”. Scegliere di trascorrere le proprie vacanze in campeggio non necessita l’acquisto di particolari attrezzature e, comporta dei costi molto ridotti rispetto ad una vacanza standard. Per chi ha voglia di una vacanza particolare e “avventurosa” basteranno un sacco a pelo, una tenda e pochi altri attrezzi indispensabili per godersi tutto lo spettacolo della natura e divertirsi in una vacanza low cost. Per i più esigenti, come ad esempio le famiglie con bambini che necessitano di maggiori comodità, c’è anche la possibilità di soggiornare in roulotte o camper. Lasciamoci guidare da questa guida e seguiamo i consigli utili che ci proporrà su come aprire un campeggio.

24

Requisiti

Capacità imprenditoriali e conoscenza di più lingue straniere sono i primi requisiti da tenere in considerazione per aprire un campeggio. Poi è necessario rivolgersi all’ufficio competente del Comune di appartenenza per verificare se, secondo il piano regolatore, l’area scelta può essere adibita a camping. Successivamente, bisogna presentare una domanda al Comune per ottenere la licenza e quindi l’autorizzazione di poter disporre della zona.

34

Area strategica

Per allestire il campeggio dovrete prima di tutto identificare un'apposita area. Le dimensioni dell'area dipendono da quanti ospiti volete gestire, dal luogo in cui essa si trova e dalle vostre disponibilità finanziarie. Il campeggio dovrà poi essere attrezzato con una o più strutture che contengano come minimo bagni, docce e linea elettrica. A questo è possibile aggiungere ulteriori servizi per rendere ancora più confortevole il soggiorno di chi campeggia. Bar, lavanderia, zona bimbo e zona per cani, sicuramente i campeggiatori apprezzeranno anche se aumentando i servizi aumentano anche i prezzi per l'ingresso.

Continua la lettura
44

Collaborazione e team

Difficilmente riuscirete a gestire un intero campeggio da soli, quindi dovrete avvalervi dell'aiuto di collaboratori. In genere i campeggi sono a conduzione familiare per ridurre i costi del personale. Sarà necessario occuparsi della pulizia dei bagni e delle docce, della manutenzione del verde, dell'eventuale assistenza da offrire agli ospiti e, dell'organizzazione di eventuali escursioni. Indispensabile sarà la presenza di una reception attiva 24 ore, dove raccogliere le prenotazioni, gestire partenze e arrivi e verificare gli accessi al campeggio. Risulta molto vantaggioso e furbo pubblicizzare bene il campeggio non solo tramite servizi di divulgazione standard come radio e cartelloni pubblicitari ma anche tramite un sito web apposito in più lingue disponibili cosicché tutti i visitatori stranieri e non possano visitarlo e organizzare facilmente la vacanza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come curarsi alle terme a carico del SSN

Le terme rappresentano un'ottima occasione per rilassarsi. Ci si può immergere nelle acque tiepide e usufruire degli idromassaggi, delle piscine a differenti temperature, dei bagni di vapore, delle saune per aumentare il proprio benessere.Si può anche...
Aziende e Imprese

Come applicare il Metodo del cost to cost

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri cari lettori che sono dei veri e propri appassionati di finanza, a capire come poter applicare il metodo del cost to cost, nel modo più semplice possibile. Iniziamo subito con il dire che il metodo del...
Aziende e Imprese

Come applicare il cost plus nell'ambito del Transfer Pricing

Nell'ambito del Transfer Pricing si può ricorrere a diverse metodologie per determinare il valore di mercato delle transazioni. Il Cost Plus Method (CPM) o Metodo del Costo Maggiorato ne è un esempio. Esso valuta il mark up di profitto nel prezzo di...
Lavoro e Carriera

5 regole per una pausa pranzo low cost

Lavorare o studiare lontano dalla propria abitazione, richiede un notevole dispendio di energie, ma anche di denaro. La benzina, i trasporti pubblici, il pranzo fuori casa, i caffè durante le pause: sono tutte cose che, ogni giorno, ci costano un prezzo...
Lavoro e Carriera

5 idee low cost per promuovere la tua attività

La pubblicità è l'anima del commercio, si dice. Fare pubblicità è fondamentale per avere un aumento significative per il business della nostra attività commerciale: ci permetterà di ampliare di molto il novero della clientela, far sì che questi...
Lavoro e Carriera

Come avviare un centro yoga

Lo yoga sta attraversando un periodo d'oro poiché piace a chi ha mal di schiena, a chi vuole un fisico asciutto, a chi vuole smettere di fumare, a chi vuole migliorare l'attività sessuale e a chi lo segue con costanza e impegno e vuole raggiungere un...
Case e Mutui

Come aumentare il valore di una casa da rivendere

Il valore di una casa da rivendere dipende soprattutto dal modo con cui l'acquirente possa notare la corrispondenza tra il prezzo richiesto e il valore della casa e per fare ciò c'è bisogno di alcune migliorie interne alla struttura legate alle tubature,...
Aziende e Imprese

Consigli per la gestione di un Bed & Breakfast

Aprire un bed and breakfast è un'attività che può essere molto redditizia, soprattutto se ci si trova in una località turistica, ma naturalmente occorre saper impostare una gestione che tenga conto delle esigenze dei clienti e che sappia metterli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.