Come aprire un banco dei pegni

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

I banchi di pegno sono state le prime forme di istituti di credito: esse risalgono a tempi piuttosto antichi, tanto che esistevano sin dai coloni in America. Le persone provenienti da tutti i ceti sociali hanno usato un banco dei pegni in diversi modi: alcuni erano mutuatari e alcuni erano degli acquirenti alla ricerca di un buon affare. Un banco dei pegni è un'attività esistente da tempo e può efficacemente inserirsi nel panorama delle necessità che un qualsiasi sistema bancario non riesce a sopperire. Il vantaggio del ricorrere ad esso è che si possono evitare tutte le lungaggini burocratiche e processuali bancarie. Per questo motivo molte persone preferiscono rivolgersi a tale attività, in quanto il denaro viene ottenuto con molta più facilità rispetto a quanto accade con un servizio bancario normale. Il funzionamento è molto semplice: in sostanza il proprietario del banco offre dei prestiti a breve termine a interessi molto alti. Andiamo quindi a vedere, passo dopo passo, come aprire un banco dei pegni.

27

Occorrente

  • Documentazione specifica
  • Autorizzaioni
  • Licenze
37

Compilare i moduli

La prima operazione che bisogna compiere è quella di compilare il modulo apposito per richiedere l'autorizzazione ad aprire. Quest'ultima vi dovrà essere concessa dalla Banca d'Italia. Se la stessa vi darà la concessione, allora dovrete procedere al pagamento di una determinata tassa, applicata per ogni ramo, che vi sarà riferita direttamente dagli operatori della Banca d'Italia. A questo punto dovrete solamente compilare e inviare tutta una serie di documenti necessari allo svolgimento dell'attività in questione.

47

Presentare la dichiarazione finanziaria

I moduli che vengono richiesti hanno come obiettivo quello di verificare la vostra situazione finanziaria, ma soprattutto serviranno a controllare la vostra fedina penale. I documenti che è necessario presentare sono rappresentati essenzialmente da una dichiarazione finanziaria debitamente verificata e preparata direttamente dal vostro commercialista, in cui si possa dimostrare il valore totale e la liquidità che potrà soddisfare l'importo minimo fissato necessario per l'apertura del banco.

Continua la lettura
57

Effettuare una relazione

Dovrete quindi dimostrare, per mezzo di una prova scritta, che avete un minimo di esperienza finanziaria. Inoltre, dovrete avere sempre a portata di mano una relazione di credito del business. Abbiate quindi cura di procurarvi un rapporto giudiziario della polizia del comune in cui siete residenti. È importante procurarsi delle lettere di riferimento che siano preferibilmente provenienti dal deposito di istituzioni finanziarie.

67

Ottenere le licenze

Infine, è importante sapere che online esiste anche un programma chiamato "Pawnbroker di successo", che vi insegnerà esattamente tutto quello che c'è da sapere sull'apertura e la gestione di un negozio di pegni. In primo luogo è necessario controllare le leggi locali per il business. Assicuratevi quindi di avere tutte le licenze necessarie e a tale proposito è bene ricordare che ogni Stato può avere diverse leggi in materia, riguardanti i banchi di pegno. Probabilmente avete bisogno di una licenza sull'imposta delle vendite.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Verificate di avere tutta la documentazione richiesta

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Banche e Conti Correnti

Oggetti che si possono impegnare al Monte dei Pegni

Ancora oggi, come negli anni passati e soprattutto nel periodo del dopoguerra, esistono agenzie di pegno che consentono di ottenere dei contanti, in cambio della custodia a tempo dei beni. Se tuttavia non si provvede a riscattarlo, automaticamente le...
Finanza Personale

Come impegnare le proprio cose al monte dei pegni

In Italia, a causa della crisi economica degli ultimi anni e del costo elevato della vita, acquistare cose non strettamente necessarie e togliersi così qualche sfizio è diventato un lusso che in pochi ormai possono permettersi. Per arrivare a fine mese...
Aziende e Imprese

Come si stipula un contratto di locazione finanziaria

Il contratto di locazione finanziaria, anche chiamato leasing, rappresenta un'ottima forma di finanziamento per l'acquisto di un bene (come un'automobile, un'immobile, etc) pagando un canone periodico. A differenza di un normale prestito di denaro, questo...
Finanza Personale

Come e dove vendere i propri gioielli

Nel periodo di crisi in cui ci troviamo, non dobbiamo meravigliarci se sovente siamo costretti soprattutto per motivi economici a doverci privare dei nostri gioielli. Questa situazione sicuramente non sarà delle migliori ma certamente ci aiuterà o a...
Case e Mutui

5 consigli per condurre una trattativa immobiliare

Un contratto immobiliare rappresenta un contratto speciale che viene frequentemente utilizzato per acquistare degli immobili. Generalmente viene gestito come se si trattasse di un prestito del proprietario verso il finanziato. Tuttavia a differenza dei...
Richieste e Moduli

Come redigere un contratto di leasing

Il contratto di leasing, chiamato anche "Contratto di locazione finanziaria", è una forma di finanziamento diventata popolare nel 1980, quando le persone hanno cercato di trovare dei modi più accessibili per possedere delle automobili senza però acquistarle....
Finanza Personale

Come richiedere la carta electa del banco popolare

Nel vasto panorama delle carte di credito che vengono offerte dai vari istituti di credito e di intermediazione finanziaria trova il suo spazio anche la carta Electa. Quest'ultima è distribuita dal Banco Popolare ed è di tipo revolving (o rotativo)....
Banche e Conti Correnti

Guida alle banche brasiliane in Italia

Nello panorama dell'economia mondiale il paese brasiliano è sicuramente in forte crescita. Il Paese sudamericano ha infatti registrato una crescita che si aggira intorno allo 7,5% nel 2010, ed un'ulteriore crescita dei 3,5 punti percentuali nel 2011,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.