Come aprire un'attività di smaltimento rifiuti

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Il tema dei rifiuti è da anni al centro di numerosi dibattiti politico-ambientali, e dando uno sguardo ai numeri della Comunità Europea, non si fatica a capirne il motivo: basti pensare che i diversi stati membri dell'Unione producono qualcosa come circa due miliardi e mezzo di tonnellate di rifiuti l'anno, il cui smaltimento (in particolare dei rifiuti cosiddetti "pericolosi") diventa sempre più arduo e poco sostenibile. Aprire un'attività di smaltimento rifiuti nel nostro paese è una delle imprese più difficili in cui si possa scegliere di investire, poiché vi è bisogno di numerosi permessi, molto personale su cui contare, tanto impegno e soprattutto un cospicuo investimento di partenza. Attraverso questa breve guida ci occuperemo di darvi una visione di insieme del tema, aiutandovi a districarvi nel complicato mondo di permessi, autorizzazioni, luoghi adeguati e molto altro.

27

Occorrente

  • cospicuo investimento iniziale.
37

Il primo passo da compiere per poter aprire un'attività di smaltimento di rifiuti, è sicuramente quello di trovare lo spazio adatto all'insediamento dell'impresa. Questo dovrà essere un capannone o comunque una grande struttura, possibilmente fuori città e lontano da zone urbane e centri abitati. Il capannone dovrà essere adibito a centro di raccolta e smistamento e dovrà quindi possedere determinate caratteristiche atte alla causa, ossia dovrà essere molto molto spazioso, alto e con grandi finestre che consentano l'aerazione. Una volta che avete individuato il luogo adatto, il passo successivo è quello di creare una società, che potrà essere, in relazione alle vostre esigenze, una spa piuttosto che una srl o una sas. La cosa importante è che essa venga regolarmente registrata presso il Comune di appartenenza: questo perché avrete bisogno di una partita iva, necessaria alla fatturazione. Successivamente occorrerà iscriversi all'Albo dei Gestori Ambientali (ex all'Albo nazionale gestori rifiuti), sempre su base regionale e provinciale. Tutte le informazioni necessarie e le procedure che bisognerà seguire sono reperibili direttamente sul sito www.albogestoririfiuti.it. Un altro importantissimo passo è quello dell'iscrizione al SISTRI, ovvero il sistema per il tracciamento dei rifiuti. Le modalità di iscrizione e tutte le normative sul tema le trovate al sito www.sistri.it.

47

Una volta che avrete ottenuto tutti i permessi necessari, occorrerà procedere all'allestimento del capannone. Per questa operazione sarà opportuno acquistare delle pavimentazioni industriali, altamente resistenti e creare un condotto di aerazione che permetta il rispetto delle norme di sicurezza per la tutela dei lavoratori e dell’ambiente circostante. Se la sede legale della vostra spa/srl dovrà coincidere con la sede operativa, e quindi con il capannone di smistamento e smaltimento rifiuti, dovrete adibire un'ala di esso agli uffici, nella quale sarà possibile tenere la contabilità dell'azienda e tutti i documenti relativi ad essa e ai suoi dipendenti e operai. Il tutto, ovviamente deve essere caratterizzato dalla presenza di un numero di servizi proporzionato al numero di lavoratori che vi accederanno quotidianamente. Quando avrete allestito la struttura, bisognerà pensare all'acquisto dei mezzi di trasporto, quindi camion, muletti, carrelli elevatori: per tutto questo avrete necessariamente bisogno di quel grande capitale iniziale del quale parlavamo all'inizio.

Continua la lettura
57

Per offrire il miglior servizio possibile sarà necessario individuare il tipo di rifiuti che si intende smaltire: carta, cartone, plastica, alluminio, vetro. Oppure c'è anche la possibilità di tentare la strada (assai tortuosa) dello smaltimento di rifiuti tossici e/o pericolosi, che però richiederà ulteriori autorizzazioni e permessi, che sarebbe impossibile esaurire in questa sede. Ad ogni modo è importante sapere che quello che avviene oggigiorno nella maggior parte delle imprese di smaltimento rifiuti (sane) a livello nazionale e internazionale consiste nell'affiancare al centro di smaltimento un centro di riciclaggio e recupero delle materie prime. Questo, in fin dei conti, si tratta di un investimento, in quanto vi porterà ad offrire un servizio completo e nello stesso tempo ad ampliare in modo notevole i vostri guadagni, potendo anche disporre di finanziamenti europei per l'acquisto dei macchinari.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Specializzarsi in un settore definito e circoscritto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come calcolare la Tarsu

Il decreto legislativo numero 507 del 15 novembre 1993, ha previsto, per dentro i confini italiani, la tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. L'applicazione di questa tassa è delegata dallo Stato centrale, alle istituzioni comunali presenti...
Richieste e Moduli

Come pagare meno TARSU preparando il compost con i rifiuti di cucina

La TARSU è la tassa per lo smaltimento dei rifiuti tossici urbani, introdotta in Italia con il decreto n°507 del 2003. È una spesa che bisogna pagare al Comune per ricevere un servizio di smaltimento e raccolta dei rifiuti stradali o anche per la pulizia...
Finanza Personale

Come disdire il pagamento della tassa rifiuti in caso di trasferimento

La tassa che tutti quanti pagano per la raccolta dei rifiuti soliti urbani, viene chiamata TARSU. In buona sostanza rappresenta una tassa obbligatoria a chiunque getti rifiuti. Pertanto viene pagata per il servizio di smaltimento dei rifiuti urbani che...
Richieste e Moduli

Come richiedere la riduzione Tarsu per single

La Tarsu è la tassa per lo smaltimento dei rifiuti; l'imposta si deve pagare al proprio comune di residenza ed il ricavato viene impiegato non solo per lo smaltimento dei rifiuti prodotti all'interno della propria abitazione, ma anche per la pulizia...
Lavoro e Carriera

Come diventare ingegnere ambientale

Esistono moltissimi mestieri che attirano ogni giorni milioni di giovani, i quali speranzosi e pieni di voglia di imparare si iscrivono all'università. La scelta del percorso universitario costituisce un passo importante per le notevoli implicazioni...
Finanza Personale

TARI: cos'è e come pagarla

La Tari rientra nella IUC, ovvero l'imposta unica comunale. Tramite la Tari ci è possibile pagare le tasse per garantire la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti urbani. Nonostante il cambiamento nel nome, non ci sono grandi differenze rispetto alla...
Finanza Personale

Come calcolare la Tares

I contribuenti italiani devono adempiere ai pagamenti, per una nuova tassa, denominata tares. Questa è la tassa sui rifiuti urbani, che riguarda quindi i servizi e nasce dalla fusione della tassa sullo smaltimento dei rifiuti urbani, cioè la tarsu e...
Finanza Personale

Come calcolare la IUC

Al giorno d'oggi il meccanismo delle tasse sulle abitazioni, in Italia, si è arricchito di un nuovo acronimo, che acquista la denominazione di IUC. Precisamente, parliamo della cosiddetta Imposta Unica Comunale, che è stata introdotta con la Legge di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.