Come aprire un asilo nido

di Chiara Ravenna tramite: O2O difficoltà: difficile

In questo articolo vedremo come aprire un asilo nido. I bambini sono quanto di più magnifico ci possa essere e vedere la loro crescita è una gioia enorme. Tante persone che hanno una passione immensa verso i bambini vogliono aprire un asilo nido, proprio per prendersi cura di loro e vederli crescere. Per l'apertura di un asilo nido occorre seguire una certa procedura abbastanza complessa e lunga. Chiaramente serviranno i locali idonei a tale scopo, l'attivazione di servizi regolamentari per i bambini, il personale appositamente qualificato, una serie di autorizzazioni e permessi ed un titolo di studio adeguato. Dovrete ricordarvi che potrete aprirlo in proprio, oppure in franchising, un nido aziendale, ma anche un asilo familiare. Come potrete immaginare non è proprio una passeggiata di salute come magari si potrebbe pensare. Non vi dovrete comunque demoralizzare. Sarà sufficiente la lettura attenta e precisa dei passaggi che seguiranno, per sapere come aprire un asilo nido. Buona lettura e buona fortuna!

1 Premessa sulla scelta dei locali Cominciamo subito dicendovi una premessa. Qualunque sia il tipo di asilo che desiderate aprire, avrete bisogno per obbligo, di un locale a norma ed adeguato. I locali dovranno anche rispettare tutte le norme vigenti sia regionali che comunali. Inoltre dovrete tenere bene conto che i locali si dovranno trovare in un unico stabile, estendersi su un piano unico ed essere a livello della strada. Se avete delle difficoltà a trovare dei locali su un unico piano, potrete sistemare su uno stesso piano gli spazi per i servizi igienici, quelli destinati ai bambini come gli spazi dedicati al gioco, la zona nanna, la mensa, gli spazi comuni per le recite e tanto altro ancora. Poi potrete invece mettere in un altro piano i locali che sono destinati al personale come la cucina, gli spogliatoi, gli uffici amministrativi, depositi e ripostigli ipotetici. Vi consigliamo anche dei locali che abbiano un ingresso indipendente, e che hanno zone libere da ingombri eventuali strutturali che possano essere un pericolo per i bambini. Se all'interno dei locali fossero presenti delle colonne, delle scale, dei muretti, e simile, vi raccomandiamo di mettere delle protezione ben accurate, di rivestirli con strutture sicure e che non siano pericolose.

2 Spazio esterno e servizi igienici secondo norma Vi ricordiamo che dovrete garantire uno spazio anche esterno, che dovrà essere di 10 metri cubi circa. Per ciascun bimbo che sarà iscritto al vostro nido, lo spazio dovrà essere raggiungibile dai locali interni direttamente. Vi rammentiamo che se per caso decidete di aprire un asilo nido vicino a centri storici, oppure in locali già usati in precedenza come asilo nido, dove lo spazio esterno potrebbe essere limitato, avrete la possibilità di considerare un'area disponibile per ciascun bambino ospitato tra i 4 e i 6 metri cubi. Dovrete anche attrezzare la zona esterna con strutture didattiche omologate e sicure. Se la zona esterna avesse invece un terrazzo, ricordate che dovrete istallare delle tende, in modo da proteggere i bambini dal sole. Inoltre per i servizi igienici vi dovrete ricordare che i locali dove cambiare i bambini, dovranno essere superiori agli 8 metri cubi.

Continua la lettura

3 Sicurezza nelle porte e finestre Per accedere agli spazi esterni, vi dovrete ricordare di usare le porte ed i maniglioni antipanico.  Vi consigliamo anche di farvi istallare delle finestre senza apertura, garantendo una maggior sicurezza ai bambini.  Approfondimento Requisiti essenziali per aprire un asilo nido (clicca qui) Fate anche istallare delle finestre con apertura alta e perciò non raggiungibili dai piccoli.  Per chiarimenti e delucidazioni maggiori in merito, vi informiamo che potrete avere consigli e suggerimenti, per quanto concerne la struttura dei locali, dall'Ausl di vostra competenza.

4 Studi per lavorare in un nido Prima di chiedere l'autorizzazione all'apertura dell'asilo nido, ricordate che dovrete essere chiaramente in possesso di un titolo di studio relativo, vale a dire cioè di una laurea in Pedagogia, in Scienze dell'educazione, in Scienze della formazione primaria, maestra d'asilo, un diploma di maturità professionale per assistenza infantile, master per la formazione della prima infanzia, titolo di operatore dei servizi sociali, oppure una abilitazione magistrale. Il possesso di uno di questi titoli vale sia per gli educatori che per il responsabile della gestione dell'asilo. Se non avete almeno uno di tali titoli di studio, potrai svolgere soltanto la funzione del titolare.

5 Gestione di apertura in termini di giornate annuale e orari giornalieri Ricordate anche che un asilo nido potrete ospitare da un minimo di sei bambini ad un massimo di cinquanta. In un anno dovrete anche garantire l'apertura dei locali per minimo 42 settimane e per 5 giorni alla settimana. Un'altra cosa importante, è che dovrete assicurare un'apertura giornaliera da un minimo di 6 ore, ad un massimo di 11 e con un orario per lo meno flessibile. Fate tanta attenzione perciò agli orari, e cosa molto importante cercate di venire incontro alle esigenze dei bambini, e anche a quelli dei loro genitori.

6 Come chiedere l'autorizzazione di apertura dell'asilo nido Dovrete richiedere perciò l'autorizzazione all'apertura al Comune, dove sarà posto l'asilo nido. Nella domanda dovrete indicare i vostri dati personali, i vostri titoli di studi, le informazioni sui locali, la loro ubicazione. Inoltre dovrete integrare con tre copie della loro planimetria ed anche dell'arredamento. Dovrete anche indicare l'elenco dei mezzi patrimoniali e finanziari che avrete disponibile, due copie del sistema di scarico delle acque indicante sia le fosse biologiche che per l'impianto di depurazione. Altri documenti da presentare saranno: le indicazioni dell'omologazione delle attrezzature presenti nell'asilo, le regole di gestione stabilite, il certificato igienico-sanitario che vi dovrà essere rilasciato dall'Ausl, il progetto educativo che vi prefiggete in due copie. Continuiamo ad indicarvi quello che dovrete presentare di molto importante: documenti che attestano per iscritto tutte le indicazioni relative alla stipula di una assicurazione sia per i bambini, ed anche per tutto il personale, tre copie della documentazione che certifichi il rispetto delle norme relative all'abbattimento delle barriere architettoniche, due copie del regolamento interno dell'asilo, tre copie del certificato rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del fuoco, che attesti il piano prevenzione incendi, una copia di collaudo degli impianti termo-tecnici, tre copie della documentazione che certifichi l' impatto acustico, e per terminare una copia della vostra carta di identità, con una marca da bollo del valore di euro 14,62.

7 Come fare domanda di apertura dell'asilo nido Non vi dimenticate che dovrete presentare la vostra domanda di richiesta, e lo potrete fare o personalmente oppure anche tramite raccomandata con ricevuta di ritorno annessa presso lo sportello delle Attività Produttive del Comune di vostra competenza.
La domanda di autorizzazione vale tre anni, e che potrà essere sospesa nella sciagurata eventualità che vengano a mancare gli obblighi contrattuali con il personale, oppure se certi documenti che allegate risultato essere inadeguati, insufficienti oppure sbagliati.

8 Ultima fase della presentazione dei documenti Vi consigliamo di rileggere varie volte questa guida proposta e prestare tanta attenzione a quello che vi abbiamo indicato, in quanto obiettivamente come detto nell'introduzione, aprire un asilo nido non è esattamente una cosa facile, è molto complessa anzi e richiede una cura massimale e maniacale dei singoli dettagli precisi. Per terminare, come fase ultima non vi dovrete dimenticare assolutamente di fare una copia di tutti quanti i documenti che avrete allegato alla vostra domanda, ed anche di conservare la ricevuta che vi verrà rilasciata al momento della vostra presentazione. Da questi ultimi vi potranno risultare parecchio utili se per caso dovrete richiedere altre informazioni, oppure altre documentazioni o chiarimenti sugli stessi documenti. Se amate molto i bambini, vedrete che il gioco vale certamente la candela.

Non dimenticare mai: fotocopiare tutti i documenti da allegare alla domanda di autorizzazione apertura conservare ricevuta della presentazione della domanda

Come Aprire Un Asilo Nido In Proprio Gli asili nido sono delle strutture deputate ad accogliere i bambini ... continua » Come gestire un asilo nido aziendale La gestione di un asilo nido aziendale è abbastanza difficile in ... continua » Come diventare amministratore di un asilo nido L'asilo nido è una struttura educativa destinata ai bambini di ... continua » Come lavorare in un asilo nido Se avete una spiccata predisposizione per i bambini, passereste con loro ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come aprire una scuola privata

Se lavorate nell'ambiente scolastico, ma siete dei precari oppure, semplicemente, dei dipendenti part-time, o un privato cittadino con la passione per l'insegnamento, sappiate ... continua »