Come affrontare un lavoro su turni

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il lavoro a turni solitamente impone ritmi e orari molto differenti da quelli delle altre persone. Per tale ragione il lavoro a turni può trasformarsi in un’esperienza traumatica, caratterizzata da poca produttività al lavoro, poche relazioni interpersonali, l’aumento di cattive abitudini di vita come il fumo, l’abuso di alcool o lo scarso riposo. Inoltre molti studi hanno dimostrato che stravolgere la normale routine quotidiana di un uomo può portare all'insorgere di molteplici disturbi e problemi di salute (come patologie cardiovascolari, disturbi del sonno, cambi improvvisi d’umore etc.). Per evitare queste spiacevoli situazioni e cercare di rendere il lavoro a turni un’esperienza più tranquilla e meno stressante, possiamo seguire alcuni utili consigli per affrontarlo e integrarlo correttamente nel nostro stile di vita.

27

Occorrente

  • Dieta sana ed equilibrata
  • Attività fisica regolare
  • Tende pesanti, mascherina da notte per dormire di giorno
37

Generalmente questa situazione implica per il turnista una serie di cambiamenti dei pattern quotidiani (assunzioni dei pasti, alternarsi delle fasi di attività e riposo), provocando nell'individuo gravi disturbi di vario genere. Anche se per molti può apparire complicato adattare il proprio corpo a determinati turni lavorativi, esistono vari accorgimenti che possiamo seguire per abituarci a tale stile di vita. Mantenere uno schema di sonno costante nel tempo è di fondamentale importanza per il nostro benessere, per tale motivo, quando i turni di lavoro non lo consentono, è importante sostenere ed aiutare il nostro corpo ad accettare tali cambiamenti. Se, ad esempio siamo a conoscenza che è in arrivo un turno notturno, iniziamo a modificare i nostri orari con una settimana di anticipo in modo da abituarci gradualmente al cambiamento. Inoltre ci sarà di enorme aiuto fare dei brevi sonnellini, anche di un’ora, prima di iniziare il nostro turno di lavoro. Questo piccolo accorgimento non soltanto aumenterà la nostra attenzione e prestazioni sul posto di lavoro, ma un buon sonno farà sentire il nostro corpo più riposato e rilassato.

47

Se ci capita di fare dei turni di notte, per abituarci a dormire di giorno, creiamo delle condizioni adatte a un buon sonno ristoratore. Il primo suggerimento è di coricarci non appena rientriamo a casa (evitando di “tirare” fino a dopo pranzo), in una camera buia e isolata dai rumori esterni. Un individuo ha bisogno normalmente di riposare almeno otto ore per affrontare una faticosa giornata lavorativa. Visto che l’organismo umano è predisposto naturalmente per restare sveglio di giorno, dovremo in un certo senso “ingannare” la nostra mente e farle credere che sia giunta la notte e, quindi, il momento di dormire. Per facilitare il sonno, possiamo usare delle tende scure o molto pesanti sulle finestre, chiudere le persiane o indossare una mascherina da notte.

Continua la lettura
57

Un altro consiglio per affrontare un lavoro a turni è fare esercizio fisico. Oltre a giovare alla nostra salute, un'attività fisica quotidiana ci fornirà elevati livelli di energia, avendo un impatto positivo sul tono dell’umore e aiutandoci anche a riposare meglio. Facciamo qualche esercizio aerobico prima di cominciare il turno o durante le pause. Evitiamo di fare attività fisica molto intensa nelle ultime due ore prima di andare a dormire, così da evitare ulteriore stress e conseguente nervosismo o agitazione. Non va dimenticato, inoltre, il ruolo fondamentale dell’alimentazione. Considerando che la maggior parte dei ristoranti e delle mense resta spesso chiuso di notte, è importante mantenere una dieta sana ed equilibrata. Prepariamo i pasti a casa e portiamoceli con noi a lavoro per evitare gli snack o bevande eccitanti delle macchinette automatiche, i fast food e altri tipi di cibi non certo salutari per il nostro organismo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando stiamo per terminare il nostro turno, specialmente se andiamo letto subito dopo aver finito di lavorare, è opportuno consumare “piccole porzioni di cibo”, magari abolendo i gli alimenti ricchi di grassi.
  • Se possibile prendiamoci brevi pause lungo tutto il turno: magari muovendoci, facendo una camminata o spostarci nella sala ristoro.
  • Evitiamo di guidare per lunghi tragitti dopo una giornata di lavoro particolarmente lunga e faticosa.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come organizzare i turni di lavoro

In molte aziende commerciali o in strutture pubbliche esiste la necessità di una costante presenza del personale addetto. Pertanto, per coprire l'arco delle ventiquattro ore, si stabiliscono dei turni di lavoro. Particolari esigenze le ritroviamo in...
Lavoro e Carriera

Come abituarsi a dormire di giorno e lavorare di notte

Un importantissimo cambiamento della vita moderna riguarda alcune delle figure professionali ormai abituate a dormire di giorno e a lavorare di notte. Medici, panettieri, forze dell’ordine, portieri sono infatti lavori che impongono ritmi e orari molto...
Lavoro e Carriera

I permessi per i lavoratori studenti ed il congedo formativo

La legge stabilisce delle regolamentazioni specifiche, per permettere agli studenti lavoratori, di proseguire gli studi, con un'adeguata formazione universitaria, scolastica e professionale, di pari passo all'attività lavorativa eseguita; in questa guida...
Lavoro e Carriera

Come scrivere una lettera di accompagnamento

Le aziende utilizzano moltissimo internet e le agenzie di lavoro, per cui non serve quasi più spostarsi da casa. Non potendo vederci di persona, il selezionatore si farà un'idea di noi, dal modo in cui ci presentiamo. Ecco perché è importante sapere...
Lavoro e Carriera

Come inserire in un reparto ospedaliero un infermiere neoassunto

In questo articolo vogliamo aiutarvi a capire come poter inserire in un reparto ospedaliero, un infermiere neoassunto. Dobbiamo sapere che le assunzioni di nuovi infermieri laureati ed anche il loro inserimento lavorativo presso le diverse Unità Operative...
Case e Mutui

10 motivi per preferire i piani alti in condominio

Sarà capitato anche a voi di domandarvi com'è la vita di chi abita ai piani alti di un condominio, soprattutto se siete in procinto di acquistare una casa; diversamente è possibile che ne sappiate già qualcosa poiché ci vivete, e magari cercate solamente...
Lavoro e Carriera

Come denunciare il lavoro in nero

Il lavoro è un diritto che appartiene a ogni individuo che ha progetti e aspettative di vita, oltre che per esigenze economiche e di sussistenza; purtroppo però, secondo le statistiche recenti sono sempre di più le persone che lavorano in nero. Quali...
Lavoro e Carriera

Come diventare sindaco di una città

Il sindaco di una città riveste un ruolo importantissimo e rappresenta un punto di riferimento per l'intera comunità. Non esistono concorsi per diventare sindaci, né speciali scuole che ne consentano la formazione. Il sindaco è colui che deve prendere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.