Come affrontare il calo di rendimento di un dipendente

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Ci sono diverse strategie a cui un’azienda può ricorrere per far ritrovare al dipendente l’entusiasmo e le motivazioni perdute, ottenendo dallo stesso prestazioni ottimali. Nella seguente guida, infatti, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come affrontare il calo di rendimento di un dipendente, fornendovi inoltre, tutte le informazioni necessarie e qualche utile suggerimento su come effettuare questa operazione nella maniera più rapida e comprensibile possibile. Vediamo quindi come procedere.

25

I sintomi

Vi siete accorti che uno dei vostri dipendenti ha un calo di rendimento? Non commettete l'errore di attendere sperando che la situazione si risolva da sola ma agite per affrontare e risolvere il problema tempestivamente. Come prima cosa, è molto importante riconoscere i sintomi del calo di rendimento. I più comuni e facilmente riconoscibili sintomi di rendimento sono la disattenzione del lavoratore, ritardi nell'espletamento di una mansione o della presentazione di un progetto. Successivamente devono essere identificate le cause principali che determinano questo comportamento. Esse possono essere di varia natura, ma molto spesso la causa principale sembra essere legata al datore di lavoro o al proprio superiore.

35

Il dipendente demotivato

Al dipendente demotivato deve essere disegnato un quadro ben preciso delle performance che l’azienda ritiene ottimali. Gli devono essere indicati in dettaglio quali sono gli obiettivi da raggiungere e cosa l’azienda si aspetta da lui. Eventuali errori o disattenzioni devono essere segnalate al lavoratore con atteggiamento costruttivo e coinvolgendolo nella ricerca della soluzione più adatta a risolvere la situazione. Limitarsi a fornire solo dei feedback negativi senza eventuali consigli non farà altro che peggiorare il morale del personale. Seguendo queste utili e semplici mosse, affrontare il calo di un dipendente sarà molto più semplice.

Continua la lettura
45

Il team

Il capo deve sempre coinvolgere tutti nei progetti il proprio team per farlo sentire partecipe alla sfida e alla vita dell'azienda. Deve fornire aggiornamenti costanti, essere aperto ed invitando il suo staff ad esprimere pareri e critiche. Per valorizzare le prestazioni, il capo deve saper delegare le mansioni per stimolare la fiducia e lo spirito di gruppo. Inoltre, è d’obbligo che i dipendenti possano godere del giusto riposo e siano esenti da surplus di lavoro che portano solo a situazioni di stress.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Azioni a favore dei prestatori di lavoro: 5 cose da sapere

Il lavoro dipendente o lavoro subordinato è strettamente connesso a due figure: il prestatore di lavoro o dipendente e il datore di lavoro. Il dipendente cede il proprio lavoro al datore in cambio di un salario, settimanale o mensile come previsto per...
Finanza Personale

Come investire in periodi di deflazione

I sintomi principali di una deflazione economica sono la diminuzione del valore delle attività e, chiaramente il calo generalizzato dei prezzi. In un momento in cui l'economia va rallentando, la domanda sia di beni e sia di servizi va al ribasso, con...
Aziende e Imprese

Come gestire uno sciopero dei dipendenti

Le aziende più funzionali creano nei dipendenti una forte propensione al lavoro e fanno sì che essi non si sentono sfruttati. Infatti, il dipendente diventa un vero e proprio collaboratore dell'azienda. Spesso si assiste a scioperi dei dipendenti che...
Lavoro e Carriera

Come rendere i tuoi dipendenti soddisfatti

Mantenere stretti i migliori dipendenti è una delle priorità di un’azienda: riunire un team motivato e compromesso con gli obiettivi dell’impresa è un compito fondamentale se non si vuol perdere competitività. Ma allora, come motivare e rendere...
Aziende e Imprese

Come motivare il team a raggiungere un obiettivo

La motivazione gioca un ruolo fondamentale nel raggiungimento degli obiettivi all'interno di un business. Questa colpisce le prestazioni, sia per quanto riguarda le imprese che operano in ambiente di squadra, sia per quelle in cui i dipendenti lavorano...
Aziende e Imprese

10 accorgimenti per migliorare la sicurezza sul lavoro

Ogni anno, più di 2 milioni di lavoratori sono vittime di incidenti fatali che avvengono sul posto di lavoro; 153 sono invece le persone che ogni 15 secondi finiscono per farsi male in modo più o meno serio, all'interno del proprio contesto lavorativo....
Lavoro e Carriera

Lavoro: L'etiquette del capo

Creare un buon clima in fabbrica o in ufficio può regalare notevoli vantaggi sia all'azienda che ai dipendenti stessi, che potranno svolgere i loro impegni con un minore carico di stress. Il ruolo del capo, o di chi comunque ha l'impegno di gestire il...
Aziende e Imprese

I migliori metodi per aumentare la produttività

Aumentare la produttività dei propri dipendenti è un obiettivo che tutte le aziende si pongono ai fini di incrementare il proprio fatturato e migliorare le proprie performance di mercato. Tuttavia, i metodi per farlo possono essere anche molto diversi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.