Come abbassare la rata del mutuo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Dato il particolare periodo in cui viviamo per molte famiglie è necessario ricorrere ad un finanziamento bancario ogni qualvolta sia necessario affrontare un acquisto particolarmente oneroso. Per la maggior parte delle volte ciò che viene concesso è un mutuo ipotecario che prevede una restituzione periodica del capitale attraverso delle rate in cui sono compresi anche gli interessi. Il tipo di interesse che si andrà a pagare può essere a tasso fisso oppure variabile. Questo cambia molto le cose perché nel primo caso vi ritroverete una rata che presenta un importo fisso mentre nel secondo caso, come dice lo stesso nome, l'importo subisce delle oscillazioni in base ai tassi. Purtroppo anche per questo motivo, in certi periodi può nascere l'esigenza di abbassare la rata del mutuo. Vediamo come fare.

24

Se si ha necessità di abbassare la rata del mutuo è possibile intraprendere due strade. La scelta cade, infatti, tra l'allungare la durata del finanziamento o passare da tasso fisso a variabile (o da variabile a fisso). Ciò che conta è cercare di modificare le condizioni del prestito che erano state stabilite con la propria banca erogante. Se il vostro finanziamento è a tasso variabile potreste avere poco margine di miglioramento perché i tassi sono già bassi per cui potete provare ad allungare il periodo di prestito. Una volta che avrete concordando con la banca la rata più sostenibile potrete andare a valutare quanta vita aggiungere al finanziamento. Potrete abbattere, in questo modo la rata mensile anche fino al 30%.

34

Se avete intenzione di passare da un tasso fisso ad uno variabile (o viceversa) è opportuno che vi soffermiate a valutare tutte le possibili conseguenze di questa scelta. Qualche anno fa i contratti che venivano sottoscritti potevano andare incontro ad una modifica di questa tipologia solamente una volta nella vita del finanziamento pertanto la questione va valutata pensando anche ai possibili benefici che potrete riscontrare anche nel lungo termine.

Continua la lettura
44

La cosa migliore che potete fare è quella di confrontarsi con la banca di vostro interesse prima di prendere qualunque decisione. Ricordate che, solitamete, non dovreste andare incontro a nessun costo aggiuntivo in caso voleste porre una modifica al contratto. Ricordate, però, che le banche potrebbero fare resistenza e cercare di opporsi applicando tassi più scoraggianti sulle sostituzioni rispetto a quelli di nuova stipula.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come Calcolare la rata di un mutuo con un piano di ammortamento a Rata Costante

Acquistare un’abitazione è il sogno di molti, tuttavia non sempre è facile a meno che non si ricorra a qualche forma di finanziamento. Negli ultimi anni la crisi ha generato un costante aumento dei tassi variabili e un decremento significativo del...
Finanza Personale

Come costruire il piano di ammortamento di un mutuo a rata costante

Per mutuo rata costante si intende il mutuo a tasso variabile la cui rata rimane invariata nel corso di tutto il finanziamento e a cambiare è solamente la durata del rimborso. Il vantaggio di questa formula risiede nella possibilità per il mutuatario...
Case e Mutui

10 consigli per la scelta del mutuo

La sottoscrizione di un mutuo per l'acquisto di un immobile, rappresenta un impegno importante da mantenere nell'arco di un relativamente lungo numero di anni. Quasi sempre si tratta di una scelta obbligata, in quanto gli importi necessari all'acquisto...
Case e Mutui

Mutui: 5 buone ragioni per scegliere il tasso variabile

Nel momento in cui è necessario stipulare un contratto di mutuo, molte persone si chiedono quale sia l'opzione maggiormente conveniente in tema di tasso d'interesse, ovvero se conviene scegliere il tasso variabile o al contrario quello fisso. Come vedremo...
Case e Mutui

Come calcolare il tasso d'interesse di un mutuo

Uno dei fattori principali da considerare prima di chiedere l'erogazione di un mutuo è il tasso d'interesse: esso rappresenta l'importo aggiuntivo che il cliente deve versare alla banca. Il calcolo del tasso di interesse è influenzato molto dalle dimensioni...
Case e Mutui

Mutuo: pro e contro del tasso variabile

Quando ci troviamo a comprare casa, molte volte siamo costretti a ricorrere ad un prestito fornito in genere da una banca che prende il nome di mutuo. Il tasso che normalmente viene applicato ad un mutuo rappresenta un elemento molto importante da tenere...
Case e Mutui

5 regole per risparmiare sul mutuo

Per cercare un mutuo per la casa conveniente è bene seguire alcune semplici regole, in maniera tale da poter scegliere l'opzione più adeguata alle vostre esigenze, come la scelta dello Spread o la valutazione del TAEG, o le varie agevolazioni che si...
Case e Mutui

5 cose da sapere sul mutuo a tasso con CAP

Quando parliamo di mutui, la cosa migliore è sempre valutare le proposte che ci offre il mercato in modo da trovare il finanziamento migliore. In questa guida vi spiego nei dettagli 5 cose da sapere sul mutuo a tasso con Cap, cioè quello apposito che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.