Carte di credito: come contestare un addebito

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Capita alle volte di scoprire nella lista movimenti delle vostre carte di credito, prepagate o bancomat delle anomalie, ad esempio: una transazione addebitata più volte per sbaglio, una transazione d’importo superiore a quanto realmente speso, o nel peggiore delle ipotesi una transazione mai effettuata dovuta alla clonazione della carta. In ogni caso è possibile contestare l’errore, ma ricordatevi che deve essere fatto entro un certo periodo di tempo dalla data di addebito, poiché rischierete che tutti i movimenti della carta siano approvati con pieno effetto. In questa breve guida illustrerò come disconoscere l’addebito e che tipo di documenti dovete necessariamente allegare alla contestazione, perciò continuate a leggere e non lasciate cadere la cosa nel dimenticatoi!

27

Occorrente

  • Copia dell'estratto conto
  • Copia ricevuta, scontrino o fattura rilasciata dall’esercente
  • Fotocopia fronte e retro della carta di credito
  • Qualsiasi documentazione relativa alla transazione contestata
37

Prima di illustrarvi come contestare correttamente un addebito sbagliato (o presunto tale) di una carta di credito, assicuratevi che effettivamente si è trattato di uno sbaglio. In particolare, prestate attenzione a quei servizi che prevedono la conservazione dei dati della carta per effettuare degli acquisti online. Difatti in alcuni casi, perfino un bambino che preme casualmente i tasti del computer può dare l’avvio ad una procedura di acquisto (vedete anche Carta di credito senza alcun codice pin). Per risolvere la questione potete richiedere lo storno dell’acquisto “errato”, mentre in altri casi occorre “che vi mettiate l’animo in pace” poiché l’annullamento dell’acquisto non è previsto nel contratto (un esempio concreto è l’acquisto su Sony network). Fatta questa doverosa premessa, ecco l’esatta procedura per contestare un addebito sbagliato su carta di credito.

47

Prima di tutto la contestazione “ufficiale” deve essere effettuata tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, riportando i motivi per i quali contestate la spesa dell’estratto conto non corrispondente, e giustificando le vostre motivazioni allegando alla lettera di contestazione: la copia della ricevuta, scontrino fiscale o fattura che sono stati rilasciati dall'esercente, una copia dell'estratto conto, fotocopia perfettamente leggibile dei 2 lati della vostra carta e qualunque documento utile riguardante l'addebito contestato. Stesso discorso vale se, in modo errato, sono state addebitate spese duplicate, oppure se risultano pagamenti eseguiti in Paesi stranieri dove non eravate presenti (vedete anche Bancomat estero).

Continua la lettura
57

Contestazione e blocco di una carta. Entrambe le procedure possono muoversi in maniera consequenziale tra loro, ma ciò non significa che una richiesta porti necessariamente alla seconda. Se la ragione della contestazione è che la spesa errata è da attribuire ad una truffa (o sospetta frode), il primo passo è bloccare immediatamente la carta di credito ed il secondo è poi quello della contestazione che serve per ottenere in tutto o in parte il maltolto. Se invece la contestazione è dovuta a degli errori del gestore della carta, allora non sarà necessario alcun blocco. Ricordate inoltre che è possibile attivare il servizio SMS e ricevere, sul vostro smartphone o tablet, un messaggio che vi avverte immediatamente quando viene eseguito un acquisto. Se notate qualche transazione sospetta chiamate subito il Servizio Clienti e bloccate la carta così da evitare l'addebito di nuove spese sul vostro conto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per evitare ulteriori questioni, prima di redigere il modulo della contestazione, richiedete un elenco dettagliato alla vostra banca dei documenti da presentare.
  • E’ buona norma controllare accuratamente lo scontrino rilasciato dall'esercente prima di inserirlo in portafoglio.
  • In particolare, quando ricevete l’estratto conto, prestate attenzione alla corrispondenza delle spese tra quelle addebitate sulla ricevuta e quelle risultanti nell'estratto conto. Occorre comunque ricordarvi che i tempi per contestare una spesa errata sono al massimo di 60 giorni dal ricevimento della notifica dell’estratto conto.
  • In caso di furto o smarrimento della carta di credito, procedete immediatamente a denuncia il tutto alle autorità competenti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Carta di credito: come contestare una transazione

La carta di credito: uno strumento tanto pratico, quanto pericoloso! Una moneta elettronica, un utilissimo strumento di pagamento. Ma anche un'arma a doppio taglio che ci espone alle truffe altrui. In realtà, la carta di credito non è altro che una...
Finanza Personale

Come presentare alla banca una contestazione per addebiti bancomat

Se possiedi un conto corrente bancario, qualunque operazione effettui, che sia un prelievo tramite il bancomat o un pagamento in un esercizio commerciale, viene registrata nell'estratto conto mensile. Sia che tu lo riceva bimestralmente a casa, sia che...
Finanza Personale

Postepay: come contestare gli addebiti in caso di truffa

La Postepay, è una peculiare carta elettronica prepagata, che normalmente permette al titolare di effettuare i suoi acquisti con sicurezza e con facilità (anche online). È risaputo che nei tempi odierni, l'avvento della tecnologia ci permette di effettuare...
Finanza Personale

Come contestare l'estratto conto della carta di credito

L'estratto conto della propria carta di credito può contenere addebiti sbagliati, doppie scritturazioni, oneri di prodotti e servizi mai richiesti e ricevuti o altre anomalie. In questo caso è possibile contestare tali errori. Bisogna contattare direttamente...
Finanza Personale

Come annullare un pagamento con Postepay

La Carta Postepay è un sistema di pagamento tramite moneta elettronica che ha preso piede su gli altri sistemi di pagamento, grazie alla diffusione di Internet e all'affermarsi della New Economy. Essa non è una carta di credito, ma è una carta-conto...
Finanza Personale

Come contestare una bolletta del telefono

Pensate che la vostra bolletta telefonica preveda addebiti non dovuti, o che includa, tra le voci, servizi di cui non avete mai usufruito? I conteggi del traffico riportati sull’ultima bolletta telefonica sono eccessivi rispetto al vostro standard abituale?...
Finanza Personale

Come contestare un servizio telefonico non richiesto

Ci sarà sicuramente capitato, di ritrovare all'interno della nostra bolletta telefonica dei costi più elevati, dovuti all'attivazione di particolari servizi che non avevamo assolutamente richiesto. In questi casi potremo contestare l'attivazione del...
Richieste e Moduli

Come contestare una contravvenzione

Una violazione è un bene che è stato originariamente rilasciato dalla polizia o da un consiglio locale di un'altra autorità; normalmente può assumere la forma di un avviso di infrazione e può essere consegnato direttamente o inviato al proprio indirizzo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.