Come calcolare l' ICI

di Fr. R. tramite: O2O difficoltà: difficile

Come voi lettori e lettrici probabilmente saprete già, tre anni fa circa (nell'anno 2012) l'ICI (acronimo di "imposta Comunale sugli Immobili") è stata sostituita da una nuova tassa che è stata denominata IMU, la quale (a differenza della prima imposta ICI) va pagata anche sulla prima casa. Per poter calcolare correttamente l'ammontare dell' ICI dovete innanzitutto determinare la base imponibile, cioè quella che rappresenta il valore dell'immobile, grazie al quale effettuare il calcolo. Essendo questo un argomento che riguarda molte persone, ho deciso che in questa semplice e breve (ma allo stesso tempo utile ed interessante) guida vi illustrerò, passo dopo passo, come poter calcolare al meglio l' ICI. Dunque, mettiamoci al lavoro!

Assicurati di avere a portata di mano: modello F24 calcolatrice dati catastali e aliquote comunali

1 Innanzitutto vi occorre sapere qualche nozione di base: sappiate che la base imponibile è quella della rendita catastale della casa o dell'immobile. Non parliamo, dunque, del valore di tipo monetario, ma bensì del valore che risulta al Catasto a partire dal mese di gennaio dell'anno in corso. Una volta che sarete riusciti a stabilire questo valore dovete aumentarlo del 5% e poi moltiplicarlo per il valore in cui rientra l'immobile. Questo cambia sulla base della sua classificazione. In genere parliamo di 100 per case private, autorimesse, uffici pubblici e depositi. Il valore con il quale vengono classificati studi privati, cinema, alberghi e teatri è 50, mentre per botteghe e negozi, 34.

2 Se non conoscete quella che è la rendita catastale della vostra abitazione, potete facilmente provare a verificarla tramite una visura catastale. Si tratta di un accertamento che adesso potete eseguire anche on-line grazie ad un servizio offerto dall'Agenzia del Territorio. Vi è sufficiente andare sul sito ed inserire i dati che vi vengono richiesti. Una volta calcolato la base imponibile dovrete moltiplicare il tutto per l'aliquota del vostro Comune. Come conoscerla? Potete provare a reperirla sul sito della vostra città, oppure andare sul sito dell'Ifel (www. Ancicnc. It/ici/ici2000. Asp), dove sono riportate le aliquote di tutti i Comuni italiani. In pratica, la formula di calcolo è la seguente: Ici = (rendita catastale x 1,05) x moltiplicatore. Non usate l'aliquota dell'anno precedente perché si tratta di un dato che viene deliberato ogni anno insieme ad eventuali detrazioni. Ricordate sempre che, in genere, se l'imposta che dovete versare non supera i dodici euro siete esentati dal pagamento, salvo diversa disposizione da parte del Comune.

Continua la lettura

3 Come pagare l'Ici? Se voi siete gli unici proprietari di tale immobile ricordate che dovrete pagare la quota per intero.  Nel caso di proprietà in comune invece, ogni proprietario deve pagare la propria quota.  Approfondimento Come calcolare la IUC (clicca qui) Se possiedete l'immobile da meno di un anno dovete calcolare solo i mesi di possesso.  Se, per esempio, ne siete proprietari da tre mesi, allora dovete pagare solo i 3/12 dell'imposta.  Dovete sempre eseguire il versamento usando il modello F24 e pagando la prima rata, come acconto, entro il 16 giugno e la seconda, come saldo, entro il 16 dicembre.  Ora che sapete come calcolare l'ICI, non vi resta che mettervi al lavoro!. 

Come calcolare l'ICI sulle abitazioni e sui box auto Dall'anno 2012 è entrata in vigore l'Imposta Municipale Unica ... continua » Come calcolare il valore catastale di un immobile Nel corso del 2012, a causa dell'introduzione dell'IMU (Imposta ... continua » Come calcolare l'IMU sui terreni agricoli Mentre la vecchia Imposta Comunale sugli Immobili, conosciuta con la sigla ... continua » Come calcolare l’imposta di successione Imposta di successione è un tributo il cui pagamento spetta a ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.