Appartamento in affitto: guida agli svantaggi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando ci apprestiamo a sottoscrivere un contratto di locazione, e quindi a ricevere in affitto una casa, ci sono alcuni svantaggi che potrebbero farci agire diversamente, quindi optando per una soluzione alternativa, ovvero di acquistarla. Se ciò non è possibile, ecco una lista che sintetizza una sorta di guida, agli svantaggi di un appartamento in affitto.

26

Pagare alcune spese o riparazioni

All'atto della stipula del contratto di locazione, è da tener presente che il proprietario ci impone alcune utenze. Se da un lato è normale pagare luce, acqua e gas, tuttavia è da considerare che spesso all'inquilino spettano anche le spese condominiali. In questo caso, bisogna valutare bene, poiché al canone mensile, si aggiunge anche un esborso maggiore, specie se le spese condominiali hanno subito un sostanziale ritocco verso l’alto, a seguito di lavori straordinari.

36

Non poter fare ristrutturazioni senza autorizzazione del proprietario


Se la casa ci viene consegnata con una tipologia ben precisa, per ottimizzarne il comfort, potrebbero essere necessari alcuni interventi strutturali, come ad esempio ampliare il bagno o la cucina, oppure abbattere delle pareti divisorie per ottenere un salone più ampio. Qualunque sia l'esigenza, il tutto è fattibile, purché ci sia il pieno assenso del proprietario dell'immobile.

Continua la lettura
46

I soldi spesi in casa non vengono rimborsati a fine locazione

Da tener presente che tutti i soldi spesi in casa per migliorarne la qualità e lo stile, non saranno rimborsati a fine locazione; infatti, se non si tratta di danni strutturali, che prevedono il rifacimento dei solai (spettanti al proprietario), ma solo di abbellimenti come ad esempio la sostituzione di un pavimento per questioni estetiche e dettate dal design impostato in casa, allora la cifra è a nostro carico, e senza possibilità di rimborso quando decidiamo di restituire le chiavi dell'immobile.

56

Pagare un canone alto, uguale ad una rata del mutuo

Uno svantaggio non indifferente è che il canone di affitto se troppo alto, non conviene, in quanto a parità di prezzo, si può pagare una rata di un mutuo. Se quindi abbiamo la possibilità di dare un congruo anticipo ad un proprietario che mette in vendita una casa, e le credenziali giuste per accedere ad un mutuo, diventa conveniente, specie se come affitto ci è stato chiesto un importo mensile di 800 euro, che è una cifra simile se non addirittura superiore ad una rata di un mutuo.

66

Pagare ogni anno l'Istat


Se ci sta bene l'importo richiesto per l'affitto, ed accettiamo anche di pagare le spese di gestione condominiali di tipo ordinario, dobbiamo tuttavia tener presente che ogni anno il proprietario ci chiederà l'aggiornamento del canone, in quanto dovuto in base ai dati Istat. L'ammontare della spesa è del 4% sul canone regolarmente registrato, per cui se il primo anno abbiamo ad esempio pagato 500 euro mensili, il secondo ne occorreranno 520, e così via ogni anno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come funziona l'affitto con riscatto

L'affitto con riscatto è una valida alternativa all'acquisto di un immobile attraverso il ricorso all'accensione di un mutuo bancario. Chi non riesce ad ottenere un mutuo per i più svariati motivi (reddito non sufficiente, inidonee condizioni di età,...
Case e Mutui

Affittare con contratto 4+4: errori da evitare

Avere un appartamento da mettere in affitto rappresenta oggi una rendita aggiuntiva, che per molte famiglie significa avere la possibilità di integrare in modo adeguato le proprie entrate mensili. Sia che si tratti di una proprietà ereditata da una...
Case e Mutui

Come tutelarsi se il proprietario non registra il contratto di affitto

Molti sono coloro che offrono un canone d'affitto minore, appunto per convincere l'affittuario ad accettare il compromesso. A tale proposito è bene sapere che c'è chi, addirittura, non fa firmare alcun accordo e chi, invece, fa firmare al proprio inquilino...
Case e Mutui

Come valutare Un Contratto Di Locazione Con La Cedolare Secca

La “cedolare secca” è un regime facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell’immobile). In più, per i contratti sotto cedolare secca non andranno...
Case e Mutui

Come denunciare un affitto in nero

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di affitti. Nello specifico, tratteremo i canoni di locazione. Come avrete facilmente compreso attraverso la lettura del titolo stesso della nostra guida, ora andremo a spiegarvi Come denunciare un...
Finanza Personale

Come negoziare sulla quota dell'affitto

Per la maggior parte degli affittuari di case, il canone di affitto rappresenta la spesa più onerosa che bisogna affrontare mensilmente, e probabilmente la maggior parte pensa ad esso come un costo fisso che non sembra affatto flessibile. Quindi, si...
Finanza Personale

Come calcolare l'aggiornamento Istat sull'affitto

Se avete un immobile in locazione, saprete sicuramente che il canone d'affitto di un contratto potrà essere aumentato ad ogni scadenza contrattuale. L'aumento da calcolare è quello riguardante il tasso d'inflazione emanato dall'Istat. Il calcolo di...
Case e Mutui

Contratti locazione: le 5 tipologie di affitto

Se hai una casa nella quale non risiedi e che non utilizzi in modo continuativo una soluzione per ripagarsi delle spese è quella di metterla a reddito ossia fare in modo che questa si possa pagare da sola e magari generare una rendita passiva. In questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.