Allestimento vetrine: gli errori da non commettere

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La vetrina del proprio negozio, a prescindere dal settore nel quale si operi, è il primo e forse il più importante biglietto da visita. Una vetrina ben curata e accattivante, è infatti in grado di catturare l'attenzione di eventuali clienti. Per riuscire a creare una buona vetrina è quindi fondamentale sapere cosa evitare. Vediamo quindi gli errori da non commettere per quanto riguarda l'allestimento delle vetrine.

26

Improvvisare

Una buona vetrina, richiede uno studio affinché sia credibile e in grado di incuriosire i clienti. Non è quindi sufficiente affidarsi all'improvvisazione, soprattutto nel caso in cui si voglia stupire e aumentare la propria clientela. È quindi bene prendere in considerazione la possibilità di seguire un corso o uno stage di formazione dedicato al visual merchandising. Questo permette di ottenere una maggiore cura nell'esposizione dei prodotti, mettendoli così in risalto nel modo adeguato.

36

Mostrare troppi prodotti

Mostrare poco non è un bene, ma mettere in vetrina troppi oggetti, può rivelarsi controproducente. È preferibile aggiornare la vetrina più spesso, in modo da alternare i vari articoli venduti, che creare un insieme confuso di oggetti. Un'altro aspetto importante riguarda i prodotti con disponibilità limitata. Spesso capita di entrare in un negozio, di abbigliamento ad esempio, chiedere un capo esposto in vetrina, e sentirsi rispondere che è terminato. Questo può spingere il cliente a non tornare, recandosi invece dalla concorrenza.

Continua la lettura
46

Essere prevedibili

Per catturare l'attenzione dei passanti, al fine di farli diventare clienti, è bene evitare di essere prevedibili. Soprattutto nel caso si venda merce presente anche in altri negozi, creare una vetrina originale è di fondamentale importanza. È utile inoltre, cercare di raccontare una storia o usare un filo conduttore, evitando di essere monotoni.

56

Aggiornare raramente l'esposizione

Non aggiornare la vetrina, significa evitare di dare risalto ai prodotti venduti. Una vetrina va cambiata con regolarità, in modo che risulti sempre varia, mostrando ai clienti quanti più articoli possibili. Inoltre è fondamentale curare l'aspetto igienico, evitando che sui capi esposti si accumuli polvere, poiché oltre ad essere poco elegante, può spingere un possibile avventore, ad allontanarsi.

66

Usare un'illuminazione scarsa

Spesso purtroppo si tende a non attribuire all'illuminazione la giusta importanza. Il sistema di luci, presenti in una vetrina è invece in grado di fare la differenza. Illuminare il prodotto con il giusto angolo di luce, serve a dare risalto all'oggetto, rendendolo più appetibile e accattivante, invogliando quindi il cliente ad entrare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come progettare la vetrina di un negozio

La vetrina è il biglietto da visita di un negozio. Ammettilo, quante volte ti sei soffermato davanti ad una vetrina, catturato da una bella torta? Per un pasticciere non dev'essere difficile attirare un discreto numero di persone davanti al suo negozio,...
Aziende e Imprese

Come allestire le vetrine di un negozio

La vetrina è il mezzo attraverso il quale un negozio proietta la propria immagine all'esterno, un po' come un biglietto da visita per il futuro cliente. Lo scopo di una vetrina è quello di attirare l'attenzione dei passanti, attraverso la giusta disposizione...
Aziende e Imprese

Consigli per la scelta del bancone di un bar

Avete l'animo da barista e volete lanciarvi all'avventura aprendo una nuova attività, oppure siete già nel settore ma volete dare una rinnovata al punto di massima importanza nel vostro bar, nonché il bancone, ottimizzandone l'aspetto e gli spazi?...
Aziende e Imprese

Come allestire una vetrina per Pasqua

Pasqua rappresenta, insieme al Natale, una delle feste più importanti dell'anno. Ambedue provengono dalla religione cattolica, legate alla nascita e alla morte di Gesù. Durante il periodo pasquale, le vetrine dei negozi e gli scaffali dei supermercati,...
Aziende e Imprese

Come allestire la vetrina di una farmacia

La vetrina di una farmacia, come quella di qualunque negozio, rappresenta il biglietto da visita e serve da stimolo per invogliare i clienti ad entrare e ad acquistare i prodotti che si trovano all'interno. Non sempre è facile eseguire l'allestimento...
Aziende e Imprese

Come allestire la vetrina di una profumeria

La vetrina rappresenta il biglietto da visita di un negozio. Essendo il primo punto di incontro con il cliente di un esercizio commerciale, essa risulta essere fondamentale per il successo del negozio stesso. Proprio per questa ragione, è opportuno dedicare...
Aziende e Imprese

Come creare un negozio e-commerce online

Il commercio elettronico, ovvero la vendita di beni o servizi attraverso la rete Internet, non conosce crisi, anzi registra notevoli incrementi di volumi e di fatturato. Per questo motivo è largamente consigliato aprire al più presto una vetrina di...
Aziende e Imprese

Come decorare un negozio floreale per San Valentino

Il 14 febbraio non è solo il giorno dove tutti gli innamorati possono esprimere i loro sentimenti verso il proprio partner, ma è anche un'occasione per alcuni commercianti per incrementare i propri guadagni. Capita a tutti, infatti, in occasione di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.