5 cose da sapere sull'IRAP

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'IRAP è l' Imposta regionale sulle attività produttive. Essa viene introdotta nel nostro ordinamento con il decreto legislativo del 15 dicembre del 1997. In cambiamento di numerosi altri tributi allo scopo di avviare una prima forma di "federalismo fiscale" In seguito nel 2008 l'IRAP diventa tributo proprio delle Regioni. A questo punto, queste possono intervenire all'aliquota e su altri elementi dell'imposta ad eccezione della determinazione della base imponibile. Quest'ultima viene rappresentata dal valore della produzione netta, derivante dall'attività svolta del territorio della Regione. Nella lista che segue indico 5 cose da sapere sull'IRAP.

26

Aliquote e scadenze

La prima cosa da sapere sull' IRAP sono le aliquote e scadenze da calcolare e rispettare. L' aliquota base dell'IRAP è pari a 3,90% ma può comportare delle modifiche a secondo delle Regioni. Infatti quest'ultime potranno aumentarla o diminuirla entro il limite dello 0,92%. A questo proposito i versamenti vanno fatti rispettando le stesse scadenze del 30 settembre del 2015.

36

Versamento e pagamento

La seconda cosa da sapere sull' Irap è la modalità di versamento e pagamento dell'imposta. Il versamento va fatto tramite il modello F24, Naturalmente rispettando delle scadenze. Per esempio i versamenti del 2014 e del primo acconto sull'IRAP del 2015 sono da effettuare entro il 16 giugno del 2015. Inoltre i pagamenti vanno fatti in base al saldo. Se il saldo è negativo o risulta inferiore a 10.33 euro, allora il pagamento dell'imposta non va fatto. Mentre va versato se la cifra supera i 52 euro.

Continua la lettura
46

Deduzioni

Partendo dalla base imponibile sono possibile anche delle deduzione IRAP. Queste vanno applicate a secondo i relativi scaglioni. Per quanto riguarda le imprese e le società di persone hanno maggiori deduzioni. Inoltre, altre deduzioni vanno a favore delle imprese che assumono personale come: disabili o apprendisti. Inoltre vengono fatte anche deduzioni, se si acquistano beni mobili e immobili.

56

Credito d'imposta

La quarta delle 5 cose da sapere sull' IRAP è relativa al credito d'imposta. In questo caso tale credito non viene riconosciuta solo se l'azienda non ha avuto dipendenti nel periodo dell'imposta. A questo punto non usufruiranno di questa agevolazione, le aziende che hanno avuto per un per un periodo limitato lavoratori assunti nel corso dell'anno.

66

Obbligo Dichiarazione

L'ultima delle 5 cose da sapere sull'IRAP è sull'obbligo della Dichiarazione IRAP. È quindi obbligatorio che ogni soggetto passivo deve presentare, per ciascun periodo d'imposta, una dichiarazione. Redatta e inviata entro la scadenza prevista. Questa va presentata direttamente alla Regione in cui il contribuente ha il proprio domicilio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come presentare la domanda di rimborso dell'IRAP

Con la grande crisi economica che stiamo attualmente attraversando, le tasse continuano ad aumentare ed i soldi a diminuire. Pertanto possiamo affermare che qualsiasi occasione di racimolare del denaro è sicuramente ben accetta da tutti. L'IRAP rappresenta...
Aziende e Imprese

Come tassare i beni-Omaggio acquistati dal libero professionista per i propri dipendenti

In prossimità delle festività natalizie numerose aziende e liberi professionisti si attivano per acquistare beni da omaggiare ai propri clienti, fornitori o dipendenti. I professionisti e gli studi associati che acquistano beni per cederli a titolo...
Lavoro e Carriera

Come trattare fiscalmente le spese di vitto ed alloggio sostenute dal libero professionista in trasferta

In questo argomento parliamo di un discorso che riguarda la materia giuridica ed economica: "Come trattare fiscalmente le spese di vitto ed alloggio sostenute dal libero professionista in trasferta". Con l'emanazione del Decreto Legge 25 giugno 2008,...
Aziende e Imprese

Come calcolare l'Ires

Quando si parla di tasse, non è mai facile tenere il passo con le continue modifiche che spesso vengono apportate da parte dei legislatori alle norme che regolano il fisco. A questo proposito, nella seguente guida, attraverso una serie di utili e semplici...
Aziende e Imprese

Come applicare il nuovo regime forfettario

In questa guida metteremo in evidenza come applicare il nuovo regime forfettario, quindi il passaggio dal regime dei minimi al nuovo regime forfettario dell'anno 2015. Sembra difficile da capire completamente, ma in realtà non lo è affatto. Viene subito...
Finanza Personale

Come, quando e chi può presentare il modello 730

Ogni anno ricorre la scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi conseguiti nell'annualità precedente. Per ottemperare a questo impegno e ricorrendo a determinate caratteristiche, ogni contribuente può avvalersi del modello 730. Come...
Aziende e Imprese

Bilancio aziendale: le valutazioni fiscali di inizio esercizio

Avviare un'attività, perlomeno da un punto di vista fiscale, non rappresenta un compito gravoso. Una volta ottenuta una Partita IVA dall'Agenzia delle Entrate e determinato il regime contabile conforme alla tipologia di impresa prescelta, in via del...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello F24 online

Tutti i contribuenti per il versamento dei tributi dovuti all'Agenzia delle Entrate e agli enti annessi, possono usufruire del servizio Web per la compilazione e l’invio dell'F24. Si tratta di un modello “unificato” poiché consente di effettuare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.