5 buoni motivi per lasciare il proprio lavoro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Attualmente, con i tempi che corrono, lasciare il proprio lavoro non è esattamente una cosa da fare, ma va detto che esistono alcune situazioni particolari che possono giustificare tale decisione. Se è vero che la crisi economica che ha investito l'Italia ed altri paesi esteri, ha creato molti disoccupati è altresì vero che ha dato vita a situazioni lavorative pessime e contratti di lavoro che offrono poche garanzie. Si tratta spesso di contratti a tempo determinato, caratterizzati talvolta da stipendi miseri. Vediamo insieme 5 buoni motivi per lasciare il proprio lavoro.

26

Trovare un nuovo lavoro

Tra le tante motivazioni che possono spingere una persona a lasciare il proprio posto di lavoro, troviamo proprio quella più piacevole, ossia l'aver trovato un nuovo lavoro che offra garanzie migliori ed uno stipendio più sostanzioso, od anche una miglior posizione lavorativa. Questa situazione particolare, costituisce sicuramente un buon motivo per dire addio al vecchio lavoro, ai colleghi e al proprio datore con estrema serenità e firmare con gioia, il nuovo contratto.

36

Essere in attesa di un bambino

Quando si aspetta un bambino non necessariamente si deve lasciare il proprio lavoro a meno che, la situazione finanziaria lo consenta, e lo si desideri. In taluni casi non si tratta del primo figlio ma di un secondo, od un terzo piccolino in arrivo, situazione che sicuramente andrà a gravare come impegno, sulla mamma e sull'organizzazione familiare. Molte donne che hanno mantenuto il proprio lavoro alla nascita del primo figlio, hanno dovuto rassegnare le dimissioni alla seconda o terza gravidanza.

Continua la lettura
46

Subire mobbing

In molte aziende, specie in quelle medio piccole, ma non solo, può accadere che per riduzione di personale o motivi di altra natura, il dipendente sia costretto a subire mobbing, una pratica considerata un vero e proprio reato, che può indurre l'insorgenza di manifestazioni psichiche serie, quali ad esempio una forte depressione. Quando non si è in grado di fronteggiare la situazione e risolverla in modo legale, o la psiche comincia a cedere, è meglio lasciar stare e cercare un altro posto di lavoro in cui i propri servigi, vengano apprezzati in maniera diversa.

56

Cambiare città

Talvolta per motivi familiari di riavvicinamento alla propria famiglia, o di promozione ed impiego all'estero di uno dei due coniugi, si è costretti ad operare una scelta: se la carriera del coniuge è importante ed il proprio lavoro rimpiazzabile con facilità anche altrove, è di sicuro consigliabile dimettersi dando il dovuto preavviso. Successivamente si dovrà cercare un nuovo impiego nella città in cui si è deciso di trasferirsi.

66

Contrarre una malattia

Questo è uno dei motivi che non consente di operare una scelta diversa da quella di lasciare il lavoro, specie se si tratta di una malattia professionale imputabile ad esso, o di una patologia di entità notevole che non permette più di poter svolgere il proprio lavoro. Anche nei casi meno seri va ricordato che la salute è un bene prezioso e va rispettata e salvaguardata nei limiti del possibile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come licenziarsi da un contratto a progetto

I contratti a progetto sono delle tipologie di accordi tra lavoratori e datori di lavoro molto frequenti ma nello stesso tempo costituiscono dei contratti che non danno molte garanzie al lavoratore che presta servizio presso l'azienda a tempo determinato...
Finanza Personale

Come fare un prestito tra privati

Non sempre, purtroppo, ci ritroviamo nelle condizioni necessarie di poter ottenere un prestito da parte di un istituto di credito. Talvolta, infatti, può capitare le vicissitudini lavorative nelle quali ci si trova non diano alla banca sufficienti garanzie...
Lavoro e Carriera

Le regole sul licenziamento introdotte con il Jobs Act

Con il Jobs Act, il governo Renzi ha messo a punto una profonda riforma dei contratti di lavoro per favorire un rilancio dell’occupazione. Il Jobs Act non modifica i diritti acquisiti, cioè quelli dei lavoratori già assunti a tempo indeterminato,...
Lavoro e Carriera

5 caratteristiche del contratto a tempo indeterminato

La crisi economica di questi ultimi anni ha portato diverse aziende alla chiusura; a sua volta, questo ha determinato la perdita di numerosi posti di lavoro. Molte persone si sono trovate senza un'occupazione, accettando successivamente nuove forme di...
Richieste e Moduli

Come richiedere un prestito senza garanzie

Al giorno d'oggi chiedere un prestito è diventato veramente molto difficile perché sono sempre più le persone che non avendo un contratto a tempo indeterminato, non sono in grado di fornire delle garanzie alle banche. È proprio per questo motivo che...
Finanza Personale

Prestiti senza busta paga: garanzie alternative

Oggi chiedere un prestito pur avendo a disposizione diverse coperture a garanzia, è diventato un pochino problematico, figuriamoci poi chiedere un prestito senza poter dare in cambio assolutamente nessun tipo di garanzia, quasi impensabile ottenerlo....
Banche e Conti Correnti

Come avere garanzie di sicurezza sul tuo conto corrente

Il principale problema dei risparmiatori, è quello di ottenere il massimo sulla sicurezza del proprio deposito bancario. In questa guida esporremo in maniera dettagliata, come avere garanzie di sicurezza sul tuo conto corrente. Con il progresso tecnologico...
Finanza Personale

Come scrivere un contratto di prestito tra amici

All'interno di questa breve guida ma esauriente guida, andremo a parlare di contratti. In altre parole tenteremo di addentrarci maggiormente nello specifico della tematica, e ci concentreremo sul contratto di prestito, spiegandovi come riuscire a scrivere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.