10 motivi per aprire la partita Iva

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Se svolgiamo un'attività occasionale commerciale o di servizi, non è necessario aprire la Partita Iva Al contrario invece se la nostra attività di qualsiasi genere essa sia, è a carattere continuativo, allora in questo caso abbiamo l'obbligo di tale apertura. Per aiutarci a definire in termini di legge se dobbiamo o meno effettuare l'iscrizione, esiste una regola ovvero quella dei 5000 euro di ricavo annuali. In sintesi se i ricavi superano tale soglia nell'arco solare, abbiamo il dovere di aprire la Partita Iva. Vediamo insieme 10 buoni motivi per fare questo passo importante.

211

Attività continuativa

Se l'attività che stiamo svolgendo occupa più di 260 giorni nell'arco di un anno solare, tale attività viene considerata "continuativa" e in questo caso abbiamo l'obbligo di regolarizzare la nostra posizione contributiva e per farlo è quindi necessario aprire la Partita Iva.

311

Soglia dei ricavi

Se la nostra attività dura meno dei giorni prestabiliti per legge, conteggiati come già visto nel passo precedente in 260, ma comunque i nostri ricavi superano la soglia dei 5000 euro, scatta automaticamente l'obbligo dell'apertura della Partita Iva.

Continua la lettura
411

Agevolazioni fiscali

Nel caso in cui la nostra attività superi i 5000 euro, ma rimanga comunque all'interno della soglia fiscale minima, con l'apertura della Partita Iva, abbiamo la possibilità di usufruire di particolari agevolazioni fiscali che ci permettono di continuare a lavorare ma nello stesso tempo non essere divorati dal fisco.

511

Detrazioni fiscali

Con l'apertura della Partita Iva, abbiamo la possibilità di usufruire di tutte le detrazioni fiscali inerenti allo svolgimento della nostra attività. Naturalmente tali detrazioni devono riguardare solo ed esclusivamente l'azienda ed essere per forza di cose escluse tutte quelle spese che invece riguardano la nostra sfera personale.

611

Ampliamento della clientela

Con l'apertura della Partita Iva, la nostra attività può aspirare ad allargare i propri orizzonti imprenditoriali. In questo modo prendiamo così in esame di rivolgere i nostri servizi non solo a privati, con i quali non è obbligatorio il rilascio della fattura, ma rivolgiamo il nostro sguardo verso aziende più grandi e importanti.

711

Una posizione previdenziale

Fra i tanti buoni motivi per aprire una Partita Iva, quello descritto di seguito è sicuramente uno dei più importanti in assoluto. Regolamentando la nostra attività, abbiamo la certezza di poter poi usufruire di una posizione previdenziale che ci garantisca in futuro un minimo di pensione.

811

Definizione lavorativa

Aprire la Partita Iva può essere utile soprattutto nel caso in cui la nostra attività venga svolta all'interno di un ufficio e in particolar modo per un solo committente. In questo caso specifico abbiamo quindi la possibilità di mettere in atto una definizione lavorativa e di conseguenza capire se le nostre prestazioni siano di carattere autonomo o da lavoro dipendente.

911

Codici di attività multipli

La legge italiana prevede che un soggetto possa esercitare una o più attività commerciali contemporaneamente. Questo significa che abbiamo la possibilità sia di prestare servizi ma nello stesso tempo vendere prodotti sempre inerenti all'attività primaria. Per essere in regola non dobbiamo far altro che associare codici di attività multipli, conglobandoli tutti sotto una unica Partita Iva. Tali codici prendono il nome di ATECO e sono consultabili presso l'ufficio dell'Agenzia delle Entrate della nostra città al momento stesso dell'apertura della Partita Iva.

1011

Duplice attività

La legge Italiana prevede la possibilità da parte di un unico soggetto, di avere una duplice attività commerciale contemporaneamente. Per entrare più nello specifico possiamo dire che, nel caso in cui svolgiamo già un lavoro dipendente presso un'azienda, ma sentiamo la necessità di avviare anche qualcosa di nostro, aprendo la Partita Iva è possibile realizzare questo sogno.

1111

Relazioni commerciali con aziende estere

Aprendo una posizione Iva abbiamo la possibilità di avere relazioni commerciali con aziende estere. Per poter esercitare tale attività, è necessario effettuare l'iscrizione presso il registro telematico VIES. In questo modo sia l'azienda che collabora con noi, sia il nostro ufficio delle Entrate, sono entrambi in grado di accertare la regolarità della nostra azienda.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come calcolare il reddito d'impresa con il procedimento sintetico

Il reddito d’impresa non è altro che la variazione che ha subito, in aumento o in diminuzione, il capitale di un’azienda grazie a quella che è stata la gestione aziendale in determinato intervallo. Il reddito d’impresa totale riguarda l’intera...
Finanza Personale

Come si calcolano le detrazioni di imposta per i dipendenti

Le detrazioni fiscali d'imposta sono somme di denaro che posso essere detratte dalle imposte sui redditi. Molti sono i casi che portano a dedurre denaro dalle imposte fiscali, quali familiari a carico, medicinali, ristrutturazioni edilizie, riqualificazioni...
Finanza Personale

Come leggere il CUD

In questa semplice ed esauriente guida andremo a vedere come è possibile procedere per effettuare una corretta lettura del modulo Cud, oggi denominato semplicemente CU. Il Cud è il Certificato Unico Dipendente, ossia la certificazione rilasciata dal...
Aziende e Imprese

Come dichiarare guadagni Google Adsense

L'attivazione di un account su Google Adsense e il conseguente inserimento di inserzioni pubblicitarie all'interno di siti Web o blog può darvi l'opportunità di guadagnare una discreta somma di denaro. Tuttavia, sappiate che dovete sottoporre tutte...
Case e Mutui

Come detrarre il canone d'affitto dal 730

Chi vive in affitto ha diritto ad alcune detrazioni fiscali Irpef. Per molti è la voce più rilevante della dichiarazione dei redditi, proprio perché la spesa incide molto sul bilancio familiare. I vantaggi offerti dalle normative sono una buona occasione,...
Finanza Personale

Come ottenere la detrazione sugli abbonamenti dei trasporti pubblici

In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili su come ottenere la detrazione sugli abbonamenti dei trasporti pubblici. È risaputo che in Italia le tasse costituiscono un carico rilevante per le famiglie e nella maggior parte dei...
Finanza Personale

Come determinare l'imposta sul reddito delle persone fisiche

L' IRPEF è l'imposta più importante del sistema tributario italiano.È un' imposta progressiva che aumenta in proporzione al reddito stesso. Allo stato attuale di cose, ci si trova dinanzi a sei categorie di reddito, di seguito riportate:- redditi fondiari;-...
Finanza Personale

Come detrarre gli interessi passivi

Gli interessi passivi gravanti su un prestito personale, come un mutuo o un leasing, possono essere recuperati nella dichiarazione dei redditi, sotto forma di detrazioni fiscali. Ciò permette di recuperare una parte di quanto avete speso durante l'anno,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.