10 consigli per un buon colloquio

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

In questa guida viene introdotto uno degli scogli più difficili del neo-laureato, diplomato o, più in generale, della persona che ha appena perso il lavoro e ne vuole trovare uno nuovo. Stiamo parlando, ovviamente, del colloquio di lavoro. Spesso i giovani si trovano ad avere poca fiducia in se stessi: questa guida può essere un buon incentivo, attraverso 10 e semplici consigli da seguire, a rendere la persona che andrà al colloquio più motivata!

211

Sii te stesso

Non pensare, durante un colloquio di lavoro, di sembrare qualcun altro. Se tu sei una persona capace di scrivere con una velocità media al computer, non ingigantire questa tua caratteristica (e non dimenticare di sminuirla assolutamente!). Se sei bravo a parlare e intrattenere buoni rapporti con la clientela, specifica questa tua dote, non è da tutti!

311

Abbi una buona capacità di parlare

Alle persone che hanno un minimo di conoscenza dell'italiano e, in questo caso, ai datori di lavoro, non piace molto trovarsi di fronte ad un possibile futuro lavoratore che non riesce a parlare o addirittura parla con un italiano molto rugginoso e pieno di errori ortografici. Prima di intraprendere il tuo colloquio di lavoro, abbi la prudenza di parlare con le parole di cui conosci il significato, senza usare termini troppo aulici o elevati.

Continua la lettura
411

Informati sull'azienda

Per intraprendere un buon colloquio è utile conoscere alcune informazioni minime sull'azienda di riferimento, per non arrivare impreparati a possibili domande tipiche come: "Hai mai sentito parlare del nostro brand?" oppure "Sai quando è nata la nostra azienda?". Una piccola ricerca su internet può aiutarti a risolvere i tuoi dubbi sull'impresa in questione.

511

Sorridi e sii educato

Una delle caratteristiche che spesso un candidato si dimentica è quella di apparire (almeno) sorridente e volenteroso di iniziare una nuova avventura con una specifica impresa. A parità di Curriculum Vitae, il datore di lavoro sceglierà la persona che sembra più volenterosa e capace di intrattenere buone relazioni con gli altri.

611

Conoscere una lingua diversa da quella di nascita

Questo è il caso in cui si tratti di una impresa di medie o grandi dimensioni, sempre più attratta da mercati esteri e non solo italiani. I soggetti che scelgono i futuri lavoratori sono assunti per porre delle domande, spesso piuttosto semplici, ma con qualche sfumatura da saper capire, al candidato di riferimento. La soluzione per ovviare al problema è ovviamente quella di saper parlare almeno in inglese, senza avere grosse lacune se viene chiesto "Where is the pen?".

711

Crea un buon Cv

Il Curriculum Vitae è lo strumento fondamentale per farsi conoscere in un istante al datore di lavoro, senza dover descrivere tutta la nostra carriera, sia essa universitaria o lavorativa. Un ottimo consiglio è quello di presentarsi con il Cv in formato europeo, scaricabile gratuitamente dal sito in descrizione.

811

Non soffermarti solo sulla capacità per cui sei stato scelto

Se il datore di lavoro ti chiede se hai altri interessi o capacità, non rispondere negativamente, ma cerca di integrare con qualche tua passione e qualche cosa che sai fare che, se dovesse andare bene, potrebbe diventare una delle tue mansioni all'interno dell'organico aziendale.

911

Crea una lettera di presentazione

Allegato al Cv, per avere più possibilità di essere scelti, solitamente un buon candidato invia una lettera di presentazione (in inglese "letter of application") in cui il soggetto spiega le motivazioni per le quali vorrebbe lavorare all'interno dell'impresa. Non deve essere una presentazione molto lunga, solitamente si tratta di una quindicina di righe scritte al computer in formato visibile e capibile ortograficamente.

1011

Arriva puntuale all'appuntamento

Un candidato che si presenta in ritardo, per qualsiasi motivo, all'appuntamento, perde già molti punti per la sua candidatura e rischia di non effettuare il colloquio, anche se magari può diventare uno dei migliori lavoratori di una grossa multinazionale. Recati prima sul posto, informati sul traffico della zona e calcola al meglio il tempo per arrivare con almeno 5 minuti di anticipo. Anche arrivare troppo in anticipo è sinonimo di scarto, cerca di trovare un orario ottimale per il colloquio.

1111

Stringi la mano prima e dopo il colloquio

Appena entrati nella stanza del colloquio e subito prima di uscire, la cosa da fare è stringere la mano al possibile e futuro datore di lavoro, per simboleggiare una caratteristica di educazione che spesso manca e che potrebbe essere simbolo di fiducia da parte dell'imprenditore offerente di lavoro.

Scritto ciò, non resta che augurare un grosso in bocca al lupo e che la fortuna sia dalla tua parte! Abbi sempre fiducia in te stesso e non smettere mai di credere a quello che desideri, sia nella tua carriera lavorativa, che nella vita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Domande da fare durante un colloquio di lavoro

In un periodo così complesso dal punto di vista economico e lavorativo, trovare la giusta opportunità di carriera non è di certo cosa semplice. L'alto numero di domanda spesso non coincide con le richieste del mercato ed è quindi molto complicato...
Lavoro e Carriera

Le 5 regole da rispettare durante un colloquio di lavoro

Finalmente, dopo tanti curriculum vitae inviati, siete riusciti ad ottenere un colloquio di lavoro. La cosa, ovviamene, è stressante, almeno per la maggior parte delle persone. Ancora di più in un paese, come il nostro, dove trovare un'occupazione,...
Lavoro e Carriera

Come lasciare una buona impressione ad un colloquio di lavoro

Come tutti sanno, oggi la concorrenza che si è creata sul mercato del lavoro, ormai saturo da qualche anno, fa sì che non bastino più le vostre competenze personali, ma occorre dimostrare, durante il colloquio, di essere persone intelligenti, brillanti,...
Lavoro e Carriera

Come prepararsi per un colloquio di lavoro

Il comportamento durante il colloquio di lavoro spesso rappresenta il fattore determinante della scelta di un candidato rispetto ad un altro. Per questo, l’incontro faccia a faccia è una fase critica del processo di selezione ed è necessario fare...
Lavoro e Carriera

Come comportarsi ad un colloquio di lavoro

Il titolo di studio e le varie competenze sono solo una parte di ciò che un datore di lavoro cerca per lo svolgimento di un colloquio. Se si ottiene o meno il posto di lavoro dipende in gran parte da come ci si comporta durante il colloquio: quello che...
Lavoro e Carriera

Come descrivere gli obiettivi professionali

Se dovete presentarvi ad un colloquio di lavoro e non sapete bene come comportarvi, sappiate che tra le domande più frequentemente poste al candidato vi è quella riferita ai suoi obiettivi professionali.Siccome non avrete molto tempo a disposizione...
Lavoro e Carriera

Come sostenere un colloquio motivazionale

Dopo aver terminato il ciclo di studi, sia superiori che universitari, si può finalmente iniziare a cercare un lavoro. Generalmente il probabile datore di lavoro vorrà conoscere la persona che si è offerta per lavorare, avvalendosi di un colloquio...
Lavoro e Carriera

Lavoro: gli errori da evitare al primo colloquio

È importante se non fondamentale presenziare con successo al primo colloquio di lavoro, che sarà il vostro primo biglietto presso la vostra nuova futura società. Per tale ragione è bene sapere almeno gli errori principali da evitare in tale sede....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.