10 consigli per gli investimenti fai da te

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Ormai da più di qualche anno veniamo letteralmente bombardati da notizie che ci fanno guardare alla finanza con sospetto ed anche, in molti casi, paura. Le vicende che riguardano il Monte dei Paschi di Siena, per non parlare di Banca Etruria, hanno contribuito a creare attorno alla finanza un clima di sfiducia pressoché totale. Il piccolo risparmiatore non sa come comportarsi. Da un lato vuole sfruttare le opportunità offerte dai vari prodotti finanziari sul mercato per garantirsi una rendita mensile aggiuntiva allo stipendio o alla pensione, dall'altro teme truffe e fallimenti. Se però si seguono poche e semplici indicazioni, si può investire in totale sicurezza senza affidarsi a nessuno, o per essere maggiormente consapevoli del lavoro dell'intermediario finanziario a cui ci siamo affidati, abbattendo i rischi ed anche incrementando gli utili. Vediamo, quindi, una lista di 10 consigli per gli investimenti fai da te utili allo scopo.

211

Studiamo un po' di finanza

La regola numero 1 non può che essere quella di conoscere le varie tipologie di prodotti finanziari presenti sul mercato. Ora, senza voler fare un corso di laurea in economia, basta poco per capire quali sono i vari tipi di titoli e obbligazioni, oppure capire come funzionano i fondi di investimento e quali sono le loro caratteristiche principali, così come i conti deposito. Questi sono, in genere, gli strumenti finanziari più idonei per il piccolo risparmiatore.

311

Informiamoci su diritti e doveri

Qualunque investimento finanziario prevede delle regole che stabiliscono il rapporto tra le parti. A questo si aggiunge che tutti i prodotti e gli strumenti finanziari sono legiferati e sottoposti a normative che ne regolano l'uso o la vendita. Conoscere la legge ci mette al riparo da brutte sorprese, anche perché al momento opportuno, come successo per esempio agli investitori delle obbligazioni di Banca Etruria, ci si sentirà dire che la legge non ammette ignoranza!

Continua la lettura
411

Parliamo con i professionisti del settore

Uno dei più grandi limiti culturali di noi italiani, perché si tratta di questo, un problema culturale, è rappresentato dalla totale diffidenza nei confronti di tutto e tutti. Tendiamo ad affidarci a soggetti che conosciamo già da tempo, di cui ci fidiamo. Quando parliamo di investimenti, quindi, è regola comune quella di affidarsi alla propria banca, come se questo ci garantisse al 100%. Niente di più sbagliato. Nel momento in cui vogliamo investire una parte del nostro capitale, analizziamo le varie offerte presenti sul mercato, parliamo con diverse banche ed intermediatori finanziari, anche solo per farci un'idea generale della situazione prima di investire per conto nostro.

511

Pianifichiamo un obiettivo base

Quando decidiamo di investire il nostro capitale, o una parte di esso, possiamo avere diversi obiettivi. C'è chi vuole realizzare un utile mensile, chi investe per il futuro e chi, invece, vuole mettersi al riparo dall'inflazione. Avere le idee chiare su qual è il nostro obiettivo principale ci aiuterà a scegliere gli strumenti finanziari più adatti alle nostre esigenze.

611

Stabiliamo i tempi giusti

I tempi sono importantissimi. Tanti prodotti presenti sul mercato, prime fra tutte le obbligazioni, non prevedono sempre delle cedole che pagano interessi prima della scadenza del titolo, come accade, per esempio, con la maggior parte dei titoli di Stato, a parte Bot e Ctz. Capire quanto tempo siamo disposti ad aspettare prima di realizzare il nostro utile ci aiuterà a scegliere la strada migliore da seguire. Ricordiamoci che in finanza, come in tante altre cose, la fretta è una pessima consigliera.

711

Differenziamo i rischi

Se pensate di investire in finanza e di realizzare utili interessanti senza rischiare nulla avete sbagliato mestiere, come viene da dire. La regola base della finanza è che più il rischio è basso meno si guadagna, più il rischio è elevato e più è alto il ricavo generato. Il trucco è quello di differenziare il capitale investito suddividendolo in fasce di rischio. In questo modo da un lato garantirete una parte del capitale da eventi traumatici a breve termine che difficilmente possono avvenire con uno strumento come il conto deposito, per esempio, dall'altro genererete utili significativi, investendo in titoli ad alto rischio, ma in un clima di relativa sicurezza.

811

Scegliamo la semplicità

Lo stesso prodotto finanziario può presentarsi sotto diverse forme. Facciamo l'esempio delle obbligazioni. La maggior parte delle obbligazioni presenti sul mercato pagano un interesse stabilito dall'emittente al momento, appunto, dell'emissione e vengono poi rimborsate alla scadenze. Ci sono, però, tanti altri tipi di obbligazioni, per esempio quelle subordinate, che non pagano un interesse fisso, ma sono legate ad altri titoli da cui dipende il loro rendimento. Dal punto di vista del piccolo investitore fai da te meglio scegliere la semplicità, i tassi fissi e garantiti. Magari si guadagna un po' meno, in molti casi, ma con maggiori certezze.

911

Valutiamo attentamente i costi

Anche nel caso in cui decidiamo di investire in totale autonomia, la legge ci impone comunque di affidarci a degli intermediari finanziari per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari. Una attenta valutazione dei costi di gestione eviterà brutte sorprese, come quella di vedersi mangiare l'utile generato dal nostro investimento da costi che non avevamo preventivato o di cui avevamo sottostimato la portata.

1011

Leggiamo i giornali finanziari

Leggere ogni giorno i giornali che si occupano di finanza ci aiuterà ad ampliare il panorama dei nostri investimenti, che altrimenti rischiano di schiacciarsi troppo sui prodotti che tutti conoscono, vale a dire i titoli di Stato, le obbligazioni delle aziende e delle banche più note, o i conti deposito. Il risultato finale sarà rappresentato da una maggiore diversificazione degli investimenti, a vantaggio di ricavi e sicurezza.

1111

Non facciamoci prendere dal panico

Spesso, lo vediamo in borsa, un titolo può subire sbalzi, relativamente al suo valore, anche molto importanti. Se un titolo su cui abbiamo investito subisce, per esempio, un'improvviso crollo, non facciamoci prendere dal panico. Chi si occupa di finanza sa che la cosa non è un dramma e spesso rientra nel giro di pochi giorni. Naturalmente, informiamoci attentamente sul perché del calo del prezzo, valutiamo la situazione e procediamo con calma.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come investire i tuoi risparmi

Investire il denaro non è sempre così facile, ma sicuramente non è necessario essere dei maestri di borsa o dei laureati in finanza. In questa guida vi daremo una mano su come investire i vostri risparmi. Molte banche conclamano con pubblicità "affidaci...
Aziende e Imprese

Investire: gli errori da evitare

Finalmente abbiamo una piccola somma racimolata grazie ai nostri sacrifici quotidiani e mediante risparmi, rinunce e sacrifici perlomeno se facciamo parte della categoria "media" della popolazione. Vorremmo far fruttare questi risparmi allora dovremmo...
Banche e Conti Correnti

Guida pratica alle obbligazioni

La finanza è sempre un terreno pericoloso per chi ci si avventura senza le dovute precauzioni e conoscenze. Offre tuttavia la possibilità di guadagni anche elevati. Uno dei mercati finanziari di maggior affluenza è quello delle obbligazioni. Le obbligazioni...
Banche e Conti Correnti

Come comprare obbligazioni tramite il conto Bancoposta

Esistono molto modi per investire i propri risparmi, le banche o la posta possono aiutare a scegliere quella che più fa per il cliente, esponendo le varie opzioni e consigliando a seconda delle varie esigenze. Uno di questi investimenti si chiama obbligazione....
Finanza Personale

Finanza: come scegliere il miglior investimento obbligazionario

Tentare un investimento, soprattutto se si tratta di obbligazioni, potrebbe essere una cosa abbastanza rischiosa. Sopratutto se non si conoscono i fattori da prendere in considerazione. La finanza è un mondo davvero vasto. Di seguito, cercherò di aiutarvi...
Finanza Personale

Confronto tra azioni e obbligazioni

Sempre più persone al giorno d'oggi si appassionano di borsa e finanza, un po' per curiosita', un po' per la speranza di poter fare qualche investimento che gli frutti qualcosa. Ma per poter avere anche solo piccoli risultati è bene comprendere e conoscere...
Finanza Personale

Come guadagnare investendo in titoli di stato

Investire in titoli e obbligazioni potrebbe veramente essere rischioso, visti i tanti fallimenti nelle grandi imprese. Ciò nonostante un modo per far fruttare i propri risparmi senza rischiare tantissimo c'è, ed è quello di investire in titoli di stato,...
Finanza Personale

I rischi degli investimenti finanziari

Tutti i tipi di investimento comportano un certo grado di rischio. Le azioni, le obbligazioni, i fondi comuni e i fondi negoziati in borsa possono perdere valore, anche tutto il loro valore, se le condizioni di mercato diventano ostili. Anche i conservatori,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.